« Torna indietro

gioielliere

Gioielliere condannato, parla il procuratore: “Guardate il video degli omicidi di Roggero, è agghiacciante” (VIDEO)

Pubblicato il 6 Dicembre, 2023

“Chiunque le abbia viste ha avuto una reazione di repulsione, per quel che è avvenuto: persone rincorse e abbattute in quel modo. Agghiacciante”.

Ad affermarlo è il procuratore di Asti Biagio Mazzeo dopo la condanna inflitta dal suo ufficio al gioielliere Mario Roggero per aver ucciso due banditi dopo una rapina.

Il procuratore risponde anche al vicepremier Matteo Salvini: “Non mi stupisce, da anni il ministro ha uno slogan: che la difesa è sempre legittima. Ma qui siamo al di là persino del caso bordeline”. 

Una reazione che avviene dopo il fatto, e fuori dal negozio, non può essere legittima difesa” sottolinea Mazzeo a proposito ancora della solidarietà del leader leghista al gioielliere.

“Ci sarà qualcuno – spiega – che è più rigoroso o meno rigoroso, davanti ai casi di legittima difesa o presunta tale, parlo della società e, quindi, anche dell’interno della magistratura, ma qui non si tratta di ragionare per partito preso: in questo caso siamo completamente al di fuori del caso della legittima difesa. Noi magistrati – continua il procuratore – non abbiamo gli strumenti per cambiare le leggi, cosa che può invece fare il Parlamento. Inserendo nel codice penale cause di giustificazione, attenuanti, che al momento non sono previste”.

Dovendo suggerire modifiche, afferma: “Si potrebbe tenere conto di certe situazioni: per dire, fu introdotta un’aggravante per i furti davanti al bancomat; qui si potrebbero inserire nel codice penale delle attenuanti, anche se quella della provocazione gli è già stata riconosciuta”. La solidarietà al gioielliere però è arrivata anche dai social.

“Guardo i social ogni tanto – dice Mazzeo – e mi spaventa il fatto che tanti vivano di parole d’ordine, che stiano davanti a una tastiera, in isolamento, con l’unica compagnia dei social, appunto. Invece di informarsi da fonti qualificate. Così, vince il tam tam, e a forza di gridare al lupo al lupo, leggi persone che scrivono o dicono: Prima sparo poi chiedo“.

Su eventuali responsabilità della politica, risponde: “È lo specchio della società come, per carità, lo è anche la magistratura. Però i politici dovrebbero fare uno sforzo maggiore, per veicolare un messaggio più razionale o responsabile”.

A proposito della condanna chiarisce: “Non provo mai piacere quando una persona viene condannata, al massimo ci può essere soddisfazione se il nostro lavoro è stato fatto bene. Dopodiché, resta una vicenda triste, pensare che una persona, se la sentenza verrà confermata nei prossimi gradi, dovrà scontare il carcere. Ma noi dobbiamo applicare la legge, e mettere l’aspetto emotivo da parte”.

Nello specifico, sull’entità della condanna poi spiega: “Bisogna tenere conto che la pena minima per un singolo omicidio è di 21 anni: dal punto di vista della pena, direi che è mite, tenendo conto dei limiti di legge”.

Sul fatto che il gioielliere avesse già subito una rapina nel 2015, che possa giustificare la sua reazione ora: “Dal punto psicologico è possibile che una persona maturi una certa voglia di rivalsa, e lo capirei – afferma il procuratore – ma non è ovviamente una giustificazione. E non lo giustifico”.

Quindi, un consiglio al gioielliere: “Di rimettersi in discussione – conclude Mazzeo – e riflettere su quello che ha fatto: se la Procura e la corte d’Assise, composta anche da giudici popolari, l’ha condannato, forse qualche domanda dovrebbe farsela”.

About Post Author

Skip to content