« Torna indietro

Inter: Inzaghi, ‘Momento delicato, serve equilibrio. Scudetto? Tutto aperto’

Pubblicato il 24 Febbraio, 2022

L’Inter torna in campo venerdì 25 febbraio alle 21 per sfidare il Genoa nella 27esima giornata della Serie A 2021/22. In vista del match del Ferraris, mister Simone Inzaghi ha presentato la partita rispondendo alle domande dei giornalisti collegati nella conferenza stampa di vigilia.

Domani ci sarà un impegno importante dopo la partita contro il Sassuolo che non è andata bene. Che sfida si aspetta?

“Troveremo un avversario in salute che nelle ultime quattro partite ha fatto quattro pareggi ma giocando un buon calcio, intenso. Troveremo una squadra organizzata che sta lottando per la salvezza, sarà una partita delicata”.

Può essere la partita giusta per Lautaro, avete parlato dopo il Sassuolo?

“In questi giorni si è detto tanto, l’Inter è ancora il migliore attacco della Serie A, non esiste un problema di attaccanti. La preoccupazione sale quando la squadra non riesce a creare, invece anche domenica abbiamo creato tanto, abbiamo avuto 7,8 occasioni limpide, sono convinto che torneremo presto a segnare”.

Nell’ultimo mese c’è stato un calo anche per le tante partite ravvicinate. È soddisfatto di quello che avete fatto fino ad ora?

“So cosa mi è stato chiesto all’inizio di questo percorso, siamo tornati agli ottavi di Champions, abbiamo vinto la Supercoppa e in questo siamo stati bravi, i ragazzi sono stati straordinari. Adesso serve equilibrio, l’ho visto all’interno società e della squadra, i tifosi sono stati fantastici domenica. Equilibrio è la parola che serve, come abbiamo sempre fatto anche nelle vittorie abbiamo analizzato dove potevamo fare meglio anche in queste ultime partite”.

Quanto è importante per il futuro e per il presente il rinnovo di Brozovic?

“Sappiamo l’importanza che ha, come sono stati importanti i rinnovi di Barella e Lautaro e mi auguro quelli di Perisic e Handanovic. Ho la fortuna di avere dei dirigenti sempre presenti che lavorano ventiquattro ore al giorno per far sì che l’Inter sia sempre più forte e competitiva”.

Create tanto in attacco, ma rispetto alla prima parte dell’anno subite più gol. Perché?

“Nella parte centrale del campionato siamo stati meno vulnerabili probabilmente eravamo più freschi mentalmente, ma abbiamo visto e analizzato e sappiamo che dobbiamo attaccare e difendere meglio, nell’ultima partita compresa quella di Champions non abbiamo segnato, che è una cosa inusuale per noi, stiamo lavorando per concretizzare e difendere meglio”.

Credi che i tuoi avversari saranno Milan e Napoli e chi temi di più?

“Siamo in un momento importante, non ancora decisivo, questo mese sarà impegnativo e dovremo affrontarlo nel migliore dei modi. Per le rivali credo che tutto sia aperto anche a Juventus, Atalanta, a quelle squadre che con un filotto di partite si avvicinerebbero. Dobbiamo fare il meglio dal punto di vista fisico e mentale. Nelle ultime settimane abbiamo avuto qualche mancanza per infortunio e squalifica quindi il mio auspicio è quello di avere tutti a disposizione per poter scegliere in tutte queste partite ravvicinate”.

Per le prossime partite c’è una politica di prezzi molto accessibili. Quanto sarà importate il supporto dei tifosi?

“È importantissimo, i ragazzi della curva sono stati straordinari anche domenica, ci hanno incitato dal primo al 96esimo minuto. La loro vicinanza c’è sempre e siamo contenti e penso che anche loro siano contenti di quello che ha fatto la squadra fino ad ora. Abbiamo fatto un lavoro ottimo che ha alzato le nostre aspettative, siamo orgogliosi e vogliamo andare avanti in questa direzione”.

Come sta Gosens? Domani ci sarà?

“Ha fatto ieri il primo allenamento completo, ci sono ottime sensazioni, è fuori dalla fine di settembre, per noi è molto importante, ci crediamo fortemente tutti. Faremo l’allenamento oggi, ci parlerò e prenderemo una decisione. Ci vuole un po’ di pazienza ma siamo fiduciosi, stiamo aspettando anche Correa che credo tornerà disponibile per il derby, è una grande risorsa per noi”.

Gosens utilizzato nella corsia di sinistra potrebbe liberare Perisic per usare il croato da attaccante e avere una variante in più?

“Perisic sta facendo una grandissima stagione, di qualità e quantità, ricordo il gol a Firenze, la partita contro la Lazio, in quel ruolo sta facendo una stagione straordinaria ora aspettando Correa ho tutti gli attaccanti a disposizione quindi penso che Perisic possa rimanere in quella posizione in cui sta facendo davvero bene”.

Caicedo quando potrebbe trovare spazio?

“Ha avuto un problema appena arrivato che gli ha fatto perdere 5-6 giorni di lavoro, poi ha fatto una settimana in cui ha lavorato bene. Già domenica avrei potuto inserirlo ma l’andamento della partita non me l’ha permesso. È disponibile è dentro il gruppo e la sua condizione è cresciuta, quindi è un’altra alternativa che ho”.

YouTube video