« Torna indietro

Jesolo, Distretto del Commercio: il progetto continua

Pubblicato il 14 Febbraio, 2022

L’amministrazione comunale ha prorogato la validità del progetto fino a fine maggio

Il progetto del Distretto del commercio non si ferma. L’amministrazione comunale ha prorogato la validità del progetto avviato con il Comune di Cavallino-Treporti e in collaborazione con Confcommercio San Donà di Piave-Jesolo e Confesercenti. Enti ed associazioni continueranno l’attività di promozione fino a maggio 2022.

L’obiettivo del progetto è quello di valorizzare il settore del commercio nelle due città, attraverso iniziative culturali ma anche interventi urbanistici. L’iniziativa è stata approvata dalla Regione Veneto, che l’ha quindi sostenuta con un finanziamento di 250.000 euro. Il Comune di Jesolo ha utilizzato la quota destinata di tale finanziamento per la sistemazione di piazza Kennedy, che ospita il mercato settimanale, per migliorare l’arredo urbano di piazza Mazzini attraverso il progetto “Mazzini Green”, quello di via Dei Mille e via Dante, infine per la valorizzazione della Pineta.

La proroga del progetto, fortemente voluta dall’amministrazione comunale e dalle associazioni di categoria, determina il prosieguo dell’attività di promozione non solo nel periodo ma anche dopo, attraverso i canali social e il portale del Distretto del commercio (distrettocommerciolitorale.it), nonché il rinnovo della collaborazione con Confcommercio San Donà-Jesolo e Confesercenti.

“Grazie a questo progetto abbiamo potuto sostenere parte degli interventi che volevamo assolutamente realizzare nel centro storico, piazza Mazzini, via Dei Mille e via Dante per valorizzare il settore del commercio ma poi anche la Pineta – dichiarano il sindaco della Città di Jesolo, Valerio Zoggia, e l’assessore al Commercio, Alessandro Perazzolo –. In questi anni ci siamo impegnati a fondo per animare la città in ogni sua piazza, in tutti i periodi dell’anno e non solo d’estate. Il progetto del Distretto del commercio ha giocato un ruolo chiave in quest’ottica, e siamo sicuri che così continuerà ad essere”