« Torna indietro

Juventus

Juventus: Chiné chiede penalizzazione e inibizione per gli ex dirigenti

Pubblicato il 20 Gennaio, 2023

Il procuratore Chiné, nell’udienza della Corte Federale d’Appello sull’istanza di riapertura del filone plusvalenze, ha chiesto una sanzione di nove punti di penalizzazione da scontare nel campionato in corso nei confronti della Juventus.

Il procuratore ha inoltre chiesto l’inibizione di 20 mesi e 10 giorni per Paratici, 16 mesi per Agnelli, 12 mesi per Nedved, Garimberti e Arrivabene, 10 mesi e 20 giorni per Cherubini.

Chiné è convinto di avere in mano degli elementi di prova nuovi che dimostrino la sussistenza degli illeciti che, in base all’articolo 63 del Codice di giustizia sportiva, potrebbero consentire la riapertura di un processo anche con sentenze divenute inappellabili e irrevocabili.

Tra questi ci sarebbero anche intercettazioni e documenti, tra cui quello definito “il libro nero” di Fabrizio Paratici che la Procura federale non poteva avere a disposizione nel primo processo.

Altri otto i club coinvolti nella vicenda: Sampdoria, Empoli, Genoa, Parma, Pisa, Pescara, Pro Vercelli e il vecchio Novara.

La Corte, presieduta dal giudice Torsello, si riunirà in camera di consiglio per valutare sull’ammissibilità o meno del ricorso della Procura contro l’assoluzione dei nove club assolti lo scorso maggio.

Una decisione finale, con eventuali sanzioni, potrebbe arrivare già nella giornata di oggi.

Skip to content