« Torna indietro

La Pallacanestro Viola umiliata da Taranto: nervosismo e confusione sul parquet. Società in silenzio stampa

Pubblicato il 17 Gennaio, 2022

Un’altra sconfitta pesante per la Pallacanestro Viola che questa volta perde tra le mura amiche di oltre 20 punti. Tutto troppo facile per Taranto che si impone sia fisicamente che tatticamente sulla compagine neroarancio. Una gara innervosita ancora di più dalle decisioni arbitrali che hanno mandato in bestia la panchina di Bolignano con due espulsioni che hanno visto protagonisti proprio il coach di casa e Franco Gaetano. Società in silenzio stampa.

Seconda sconfitta consecutiva per la Pallacanestro Viola, costretta a cedere il passo fra le mura amiche del PalaCalafiore alla Cus Jonico Taranto per 63-86, al termine di una sfida che ha viaggiato sui binari dell’equilibrio nei primi venti minuti di gioco, ma che ha visto trionfare nettamente la formazione rossoblù nella ripresa. Ancora assenti in casa Viola capitan Barrile e il giovane Lazzari. Il primo pronto a rientrare nella prossima trasferta di Avellino, tempi più lunghi per il secondo.

Primo Quarto

Palla a due per i rossoblu ma è Yande Fall a siglare la prima segnatura e ad attrarre, sul possesso successivo, il primo fallo di Ponziani. Ricompaiono nei successivi attacchi della Viola le difficoltà viste a Salerno, fino alla bomba di Ingrosso che riporta la Viola a -2. Subito dopo la segnatura del salentino, un fallo antisportivo fischiato a Duranti porta alle proteste di coach Bolignano che valgono il tecnico. Taranto realizza due dei tre tiri liberi. Sul possesso immediatamente successivo arriva l’ulteriore punizione dei direttori di gara nei confronti della squadra di casa: trasporto in ball handling per Balic, bomba di Erkmaa dall’altro lato e tutto da rifare: 9 a 16 a 4 minuti dal termine. Sotto le plance lotta Franco Gaetano, ma i pugliesi allungano ancora con Klanskis. Finisce 18-25.

Secondo Quarto

Il fadeaway di Bruno Duranti chiude una prima fase convulsa e riporta la Viola sul meno 4. A garantire il rientro entro un possesso di distanza, il fadeaway di Balic con uno sfortunato piedino sulla riga dei 6 e 75. Cinque in fila di Duranti consentono ai nerorancio di fare il primo affaccio in vantaggio, che dura appena un amen perché dalla parte opposta Sergio indovina la parabola dalla lunga: 28 a 30 a 4 minuti dall’intervallo lungo. La differenza di punteggio si mantiene nel finale: 34-36.

Terzo Quarto

È la bomba di Sergio a spezzare l’equilibrio dei primi due minuti e a farlo in favore degli ospiti. La prima parte del quarto volge decisamente in favore dei tarantini che si portano addirittura sul +11. L’antisportivo fischiato a Balic consente agli ospiti un ulteriore allungo a 5 minuti dal termine: 42-55. Il digiuno in attacco prosegue, interrotto soltanto a due minuti dal termine dal libero di Fall a due minuti dal termine. Sale l’intensità in difesa della Viola ma l’attacco continua a non cogliere l’occasione: alla fine del quarto il tabellone recita 48-63.

Quarto Quarto

Ancora male in apertura di quarto: delle proteste portano al secondo tecnico alla panchina e all’espulsione di coach Bolignano. Alla Viola manca il guizzo della reazione e i tarantini continuano a segnare. Espulso anche Gaetano nel finale di gara, che è tutto per i pugliesi.  Finisce 63-86 per la sqadra di coach Olive.

TABELLINO

Pall. Viola Reggio Calabria – CJ Basket Taranto 63-86 (18-25, 16-11, 14-27, 15-23)Pall. Viola Reggio Calabria:Bruno giuseppe Duranti 14 (4/8, 2/9), Yande Fall 13 (3/10, 0/0), Federico Ingrosso 11 (3/5, 1/3), Amar Balic 10 (5/7, 0/3), Amar Klacar 10 (2/5, 2/5), Franco Gaetano 4 (2/5, 0/1), Samuele andrea Valente 1 (0/0, 0/1), Alberto Besozzi 0 (0/0, 0/0), Fabio lorenzo Freno 0 (0/0, 0/0), Vittorio Lazzari 0 (0/0, 0/0)CJ Basket Taranto:Alberto Conti 21 (6/10, 0/2), Riziero Ponziani 17 (7/14, 0/0), Giovanni Gambarota 14 (2/2, 3/6), Biagio Sergio 13 (2/3, 3/6), Manuel Diomede 10 (1/7, 2/5), Hugo Erkmaa 6 (0/2, 2/6), Ricards Klanskis 5 (1/1, 0/1), Luca Cianci 0 (0/0, 0/1), Andrea francesco Liace 0 (0/0, 0/1), Lorenzo Porcelluzzi 0 (0/0, 0/0)

x