« Torna indietro

Meloni

Meloni: “Chiedo scusa per le Foibe”

Pubblicato il 10 Febbraio, 2024

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, è giunta al monumento nazionale della Foiba di Basovizza, sul Carso triestino, per partecipare alla cerimonia solenne in occasione del Giorno del ricordo.

Meloni ha fatto ingresso accompagnata dal vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani. Presenti, tra gli altri, il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Luca Ciriani, e il ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi. 

Meloni

Il Giorno del ricordo è stato istituito nel 2004, con legge dello Stato, per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

“Sono venuta molte volte qui, da ragazza quando farlo era essere additati, accusati, isolati. E sono tornata da adulta a celebrare finalmente quel giorno del ricordo che spazzava via una volta per tutte la congiura del silenzio che per imperdonabili decenni aveva avvolto la tragedia delle foibe e il dramma dell’esodo nell’oblio dell’indifferenza” ha detto Meloni al Monumento nazionale di Basovizza per il Giorno del Ricordo delle vittime delle Foibe.

Meloni

“Siamo qui a chiedere ancora perdono a nome delle istituzioni di questa Repubblica per il colpevole silenzio che per decenni ha avvolto le vicende del nostro confine orientale e per rendere omaggio a tutti gli istriani i giuliano-dalmati per rimanere italiani decisero di lasciare tutto, case, beni, terreni per restare con l’unica cosa che i comunisti titini non potevano togliere loro e cioè l’identità”, ha aggiunto.

Il “Treno del Ricordo” servirà “non per riaprire le ferite del passato, non per dividere ancora ma per chiudere un cerchio, per sanare quella vergogna e ricucire quel sentimento di solidarietà su cui ogni nazione si fonda” ha spiegato Meloni.

“Negare questi fatti cercando di rimuovere il ricordo di un crimine, vuol dire commetterlo di nuovo”. E’ un passaggio del discorso del sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, alla cerimonia solenne alla foiba di Basovizza nel Giorno del Ricordo. “In questo luogo – ha detto – dove ogni pietra è un lamento, con orgoglio e autentica commozione ringrazio a nome della città i parlamentari del centrodestra di questa regione che stanno discutendo e portando avanti nella Commissione affari Costituzionali della Camera una proposta di legge per la revoca di questa alta onorificenza al carnefice Tito. Al momento purtroppo, nonostante tutto ciò che la storia racconta, alcuni deputati della sinistra e centrosinistra ritengono ancora inopportuno togliere l’onorificenza a Tito. Dico a queste persone che le foibe e l’Esodo sono una tragedia del nostro Paese, non di una parte. Chiedo a queste persone di fare parte di questo momento storico”.

“Ricordo a queste persone – ha ribadito – che continuare a negare questi fatti cercando di rimuovere il ricordo di un crimine, vuol dire commetterlo di nuovo. Onore ai martiri delle foibe, onore ai nostri esuli. Viva Trieste, viva l’Italia, viva la verità”.

About Post Author

Skip to content