« Torna indietro

Mestre, il Teatro del Parco dal 23 gennaio apre le porte ai giovani con il progetto culturale “youTHeater”

Pubblicato il 18 Gennaio, 2022

Un programma appositamente pensato per loro, con musica, danza e teatro come protagonisti

Il Teatro del Parco apre le porte ai giovani con il progetto culturale “youTHeater,” un programma appositamente pensato per loro, con musica, danza e teatro come protagonisti. A partire dal 23 gennaio e fino al 21 maggio prendono il via dodici appuntamenti, ad accesso gratuito, suddivisi in quattro concerti e sei serate di teatro e danza, oltre a due eventi speciali dedicati al Giorno della Memoria e al Giorno del Ricordo. Oltre alla ricchissima programmazione di eventi, youTHeater è anche formazione e didattica con due workshop, due cicli di laboratori pensati per i giovani (14-18 anni e 19-26 anni), matinées per le scuole e una residenza per una giovane compagnia locale.

Eventi e attività volute dal Settore Cultura del Comune di Venezia, in collaborazione con le associazioni Live Arts Cultures, Farmacia Zooè e Macaco. Il progetto è stato cofinanziato dall’Unione europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020.

“Investire sui giovani e sulle loro passioni è un filo conduttore che questa amministrazione porta avanti in un Teatro che in poco tempo, dopo la riapertura del 20 settembre del 2020, si è consolidato come punto di riferimento per le nuove generazioni che vivono di cultura  in città – spiega l’assessore alla coesione sociale, Simone Venturini – La rigenerazione del parco Albanese, prima con il teatro e adesso con il rilancio della biblioteca ma anche con il mercato cittadino appena inaugurato, è un fiore all’occhiello per la giunta del sindaco Brugnaro che crede nella città e nella cultura dei giovani”.

Il progetto, che inizia domenica 23 gennaio, parte da una visione di teatro come calamita alla giovinezza: il nome, youTHeater, si compone di youth – giovinezza- ma anche di you – tu, per arrivare in modo fresco e giovane al pubblico mestrino e non solo, proprio nel luogo dove avviene l’incontro: theater-teatro. Al Teatro del Parco, per la musica, arrivano artisti come Laura Agnusdei, Nicola Manzan, New Candys, Phill Reynord, Theo Teardo, Kaki King (Usa), Marco Centasso. Per il teatro, i protagonisti sono Stefano Baffetti, Sotterraneo, Farmacia Zooé, Fettarappa Sandri – Guerrieri, Malmadur, Nardinocchi/Matcovich mentre la danza viene rappresentata da Abbondanza/Bertoni, Paola Lattanzi.

La giornata di domenica 23 gennaio sarà dedicata alla danza con lo spettacolo HYENAS della Compagnia Abbondanza/Bertoni. Giovedì 27 gennaio va in scena lo spettacolo teatrale dedicato al Giorno della Memoria L’ISOLA DEGLI UOMINI con Stefano Baffetti (ore 11 (per le scuole) / ore 21 per il pubblico) mentre sabato 29 protagonista è la musica con il concerto di Laura Agnusdei | Nicola Manza.

Tutto il programma è visibile sul sito www.culturavenezia.it

Le due giornate di workshop sono dedicate a danza e teatro. La prima, con Michele Abbondanza, eccellenza del Teatro danza, e una con il duo di artisti Laura Nardinocchi e Niccolò Matcovich (Rueda Teatro), vincitori di Scenario Infanzia con lo spettacolo “Arturo”, sul tema della perdita, presentato in rassegna. Parte dell’offerta culturale è la campagna di sensibilizzazione contro i Disturbi del Comportamento Alimentare “La Voce – Esprimi un desiderio” che coinvolgerà oltre millecinquecento studenti delle scuole secondarie di secondo grado della Città Metropolitana di Venezia.

E proprio per i giovani, a partire dalla fine di gennaio, saranno quattro le proposte formative più articolate: percorsi che si distinguono per le fasce di età a cui si rivolgono – 14 e 18 anni /19 e 26 anni – e per il tipo di lavoro proposto. La partita dei sogni – laboratorio di pratiche di movimento e My body is cage – laboratorio multidisciplinare di teatro, danza, musica e pratiche multimediali : i giovani partecipanti sono accompagnati in questo percorso da tutor d’eccezione quali Gianmarco Busetto e Marco Duse per il teatro, Marianna Andrigo e Michela Lorenzano per la danza, Solenn Le Marchand e Marco Centasso per i media e la musica.

Il 7 maggio, torna la seconda edizione di Una notte a Teatro: 12 ore, dalle 20 alle 8 del mattino, da trascorrere sul palco e in platea con un’esperienza immersiva che sottolinea quanto il teatro possa essere uno spazio della vita e della scoperta di sé. A giugno arriva il progetto Residenza con il Teatro del Parco pronto ad ospitare professionisti – artisti, tecnici e mentori – con cui i giovani potranno confrontarsi in merito a progetti di produzione, testi, performance e idee di messinscena.

Per tutta la programmazione e per le informazioni sugli accessi www.culturavenezia.it

L’accesso agli spazi avverrà secondo protocollo anti-contagio COVID 19 con obbligo di possesso di CERTIFICAZIONE VERDE COVID 19 (SUPER GREEN PASS). Sono esonerati dall’obbligo i bambini sotto i 12 anni, come da normativa vigente che prevede inoltre mascherina FFP2 per tutti gli over 6 anni.

x