« Torna indietro

Migranti, numeri da record per gli sbarchi

Le ultime rilevazioni, infatti, mettono in evidenza come ci sia un costante e importante incremento.

Pubblicato il 13 Settembre, 2022

Proprio in concomitanza con il periodo elettorale e le elezioni per la formazione del nuovo Governo dopo lo scioglimento delle Camere legate all’esecutivo Draghi, si accentua in maniera negativa una situazione da sempre fortemente complessa e carica di risvolti anche proprio dal punto di vista politico.

Stiamo facendo riferimento alla situazione degli sbarchi dei migranti, che sta peggiorando sempre di più nel corso delle ultime settimane. Le ultime rilevazioni, infatti, mettono in evidenza come ci sia un costante e importante incremento. Dei dati che devono mettere per forza di cose in allarme, visto che si equiparano numericamente al 2016, uno degli anni peggiori da questo punto di vista. Non è casualità, quindi, che diversi programmi elettorali mirino proprio ad addivenire a una soluzione per questa problematica drammatica.

Un problema ormai consolidato per l’Italia

Una risorsa, ma anche una problematica. Il tema dei migranti sembra ormai piuttosto datato e proprio perché si protrae stancamente da anni e anni. Un problema di grosse dimensioni per l’Italia e non per via della mancanza di senso di accoglienza, quanto piuttosto per un sovraffollamento che riguarda i centri di accoglienza.

Ancora una volta emerge una situazione di grave disagio in quella che è la città più colpita e resa anche celebre dagli sbarchi dei migranti, ovvero Lampedusa. Nello specifico, il centro di accoglienza per i migranti situato in contrada Imbriacola è ormai diventato purtroppo tristemente noto alle cronache proprio perché si trova in costante stato di esubero.

I programmi elettorali sull’immigrazione

Non deve stupire, quindi, che buona parte dei programmi elettorali dei candidati in vista della prossima tornata elettorale si stiano concentrando proprio sul proporre soluzioni di vario tipo per arginare questo fenomeno. Se alcuni politici tuonano e puntano forte, come ad esempio Giorgia Meloni, su un blocco navale, dopo aver raggiunto apposito accordo con la Libia, altri invece mirano alla reintroduzione dei decreti sicurezza.

Al giorno d’oggi, però, l’unica cosa certa è che la situazione è in continuo peggioramento. Stando alle ultime statistiche che sono state diffuse da parte dell’Agenzia europea per la protezione delle frontiere, a partire dai primi giorni del 2022 fino ad oggi, in Italia sono sbarcati qualcosa come oltre 200 mila migranti.

Gli sbarchi quotidiani non fanno altro che rendere più complicate le condizioni in cui devono lavorare i centri di accoglienza, soprattutto in merito alla capienza. Diventa veramente complesso riuscire a garantire a chi arriva i corretti trattamenti medici e l’assistenza che serve, senza dimenticare come pure le condizioni di soggiorno all’interno di tali centri stanno rapidamente diventando insostenibili.

Quali sono i dati svelati da Frontex

Ebbene, Frontex, un’agenzia europea il cui lavoro è quello di focalizzarsi sul controllo delle frontiere esterne, non ha fatto altro che diffondere una serie di dati che descrivono in modo inequivocabile la situazione.

Sono ben più di 200 mila i migranti che sono entrati in modo irregolare nel territorio italiano a partire dal mese di gennaio fino ad oggi. Un dato che supera addirittura del 75% le statistiche che sono state registrate nel 2021. Solamente nel corso del mese di agosto, il numero di migranti che sono sbarcati sul territorio italiano è pari a 32 mila, con un incremento del 35% in confronto ai dati fatti registrare nel 2021. Ebbene, stando ai numeri che sono stati registrati da parte di Frontex, che hanno ricevuto poi conferma nientemeno che dall’UE, c’è da sottolineare come non si tenga però in considerazione il dato sui migranti che provengono invece dall’Ucraina e che si sono messi in fuga verso l’Italia per ricevere ospitalità e lasciarsi alle spalle la guerra con la Russia.

Fonte: LettoQuotidiano.it

About Post Author

Skip to content