« Torna indietro

Misterbianco, arrestato marito violento: per picchiare la compagna usava anche un bastone da Karate

Pubblicato il 23 Febbraio, 2024

Nell’ambito delle attività di prevenzione e contrasto alla violenza di genere, fenomeno verso cui il Comando Provinciale Carabinieri di Catania rivolge la massima attenzione, anche attraverso la sua rete di monitoraggio, istituita dal 2014 su tutto il territorio nazionale e composta da militari particolarmente specializzati sulla delicata materia, la Tenenza di Misterbianco ha tratto in arresto in flagranza di reato un 25enne catanese, accusato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della compagna, con l’aggravante di aver commesso il fatto alla presenza dei loro figli minorenni. 

Al riguardo, il culmine delle condotte vessatorie poste in essere dall’uomo avverso la propria giovane convivente è avvenuto nella mattinata, quando la ragazza, alla presenza dei suoi due figli di appena 1 e 2 anni di età, sarebbe stata aggredita dall’uomo, che in preda ad una ossessiva gelosia, l’avrebbe picchiata, poiché convinto che lei avesse ospitato in casa, durante la notte, il suo amante.

In particolare, le deliranti accuse del 25enne sarebbero iniziate verso le 07:00 del mattino, quando la madre della ragazza, che vive con loro a Misterbianco in un’abitazione al piano terra, è uscita di casa, chiudendosi la porta alle spalle.  Un gesto quanto mai innocuo, da cui però sono scaturite gravi conseguenze. Il giovane infatti, svegliatosi dopo aver sentito il richiudersi dell’uscio, avrebbe subito raggiunto la compagna in cucina, dove lei stava preparando il latte peri loro figli, cominciando ad accusarla di tradimento, perché convinto che ad uscire di casa a quell’ora fosse stato, in realtà, un amante e non sua madre.

A nulla purtroppo sarebbero valsi i tentativi della ragazza di fargli comprendere l’assurdità di quelle insinuazioni, tant’è  che lui l’avrebbe addirittura minacciata dicendole: “Ti ammazzo, ti sciolgo nell’acido”, aggiungendo di aver già preparato una fossa per sotterrarla in campagna. In un crescendo di violenza, il 25enne l’avrebbe poi ingiuriata, sputandole dapprima in volto, per poi puntarle alla gola un coltello a serramanico, con l’avvertimento che l’avrebbe sgozzata, se lei non avesse ammesso di avere un altro uomo.

A furia di spintoni, l’uomo avrebbe quindi fatta cadere la compagna, facendole sbattere la testa sul pavimento e poi, afferrato un bastone da difesa adoperato nelle arti marziali, ovvero un manganello estensibile con catena, l’avrebbe colpita sulle gambe e sulle braccia. Mentre lei era in terra, infine, avrebbe tentato di strangolarla sempre con quella catena, mollando la presa soltanto quando si sarebbe accorto che la donna stava diventando paonazza, perché non respirava più.

Avendo intuito la pericolosità della situazione, resa ancor più drammatica dal pianto dei loro bambini che assistevano alla scena, a quel punto la ragazza sarebbe stata costretta ad ammettere di aver sbagliato, pur non avendo alcuna colpa, accettando finanche di rivelare il nome dell’amante immaginario. Solo con questa promessa sarebbe così riuscita a farlo smettere di picchiarla, nonostante le continue minacce di morte: “Non ti ammazzo perché ci sono i bambini, ma se chiami i Carabinieri ti uccido!”.

Quando, verso l’ora di pranzo, la madre della donna è tornata a casa, il ragazzo avrebbe addirittura insultato anche lei, accusandola in primis di “coprire” le malefatte della figlia, per poi arrivare a puntarle alla gola il coltello a serramanico adoperato prima dei confronti della compagna, urlando: “Vi ammazzo a tutti pari” (ndr dialettale: “Vi ammazzo tutti quanti”).

La donna, però, in quegli attimi concitati, facendosi forza, con una scusa è riuscita ad allontanarsi da casa e a chiedere aiuto, chiamando i Carabinieri.

A quel punto, la pattuglia si è precipitata, in una manciata di minuti presso l’abitazione della famiglia, dove, nel frattempo, l’uomo avrebbe intimato alla convivente di andare a coprire i segni delle violenze con del make-up. I militari, però, già solo dallo sguardo atterrito dei bambini e della madre della donna, riuscendo subito a cogliere ed interpretare i “segnali della violenza” appena perpetrata, hanno chiesti con urgenza l’intervento di un’ambulanza, alla quale hanno affidato la 21enne, bloccando e mettendo in sicurezza al contempo l’uomo.

Quest’ultimo, dopo l’arresto, su disposizione dell’A.G. che ne ha convalidato l’arresto, è stato condotto presso il carcere di Catania Piazza Lanza.

About Post Author