« Torna indietro

Montebelluna, antenne telefonia: rinegoziati cinque siti

Pubblicato il 15 Luglio, 2021

15.7.2021 – La giunta comunale di Montebelluna ha approvato in questi giorni la rinegoziazione del contratto di locazione con la società CK Hutchison Networks Italia Spa per l’installazione degli apparati di telecomunicazione.

Va detto che il Comune di Montebelluna è proprietario di terreni, sui quali sono installati impianti di telefonia mobile, regolati da singoli contratti. Tra questi alcuni contratti scaduti:

  • quello con la società H3G spa relativo alla porzione di terreno comunale in via S. Vigilio presso Stadio Comunale Biagi, una porzione di terreno comunale in via delle Ginestre presso Campo sportivo di Guarda, ed una terza porzione di terreno comunale in viale XI Febbraio presso Cimitero capoluogo;
  • quello con la società Wind riguardante una porzione di terreno comunale in via Meucci;
  • e quello con la società Ericcson, riguardante una porzione di terreno comunale in via Feltrina Nord.

Inoltre, presso il sito in via S. Vigilio è presente una sublocazione a favore della società Linkem.

Per questi contratti la società CK Hutchison – ultima società subentrante nei contratti di cui sopra e legittimata alla stipula dei nuovi contratti – ha chiesto il rinnovo dei suddetti contratti mediante la rinegoziazione dei canoni.

Il Comune di Montebelluna ha acconsentito al rinnovo e alla rinegoziazione contrattuale delle locazioni ad uso impianti di telefonia mobile, con riduzione del canone sull’ordine del 30% sul canone previgente: una diminuzione in linea con quella operata dalle altre amministrazioni comunali.

I nuovi contratti di locazione avranno una durata novennale e prevedono i seguenti canoni rimodulati:

  • via S. Vigilio: canone annuo 11.500 euro e sublocazione 2.300 euro
  • via delle Ginestre: canone annuo 11.500 euro
  • viale XI Febbraio: canone annuo 11.500 euro
  • via Meucci: canone annuo 10.000 euro
  • via Feltrina Nord: 10.000 euro

Gli oneri contrattuali e connessi sono tutti a carico della società CK Hutchison Networks Italia Spa.

Commenta il sindaco, Elzo Severin: “Abbiamo cercato di chiudere un accordo ragionevole, in linea anche con scelte operate da altre amministrazioni.

Viceversa, si sarebbe rischiato di far sfumare un accordo, col rischio che i gestori si rivolgessero a privati dove l’installazione delle antenne sfugge a qualsiasi controllo da parte del Comune”.

Skip to content