« Torna indietro

Montebelluna, l’area Sansovino diventa di proprietà esclusiva del Comune: sarà riqualificata

Pubblicato il 18 Gennaio, 2022

18.1.2022 – Il Comune di Montebelluna ha acquisito in questi giorni l’intera proprietà del compendio immobiliare presso l’area Sansovino.

Ricordo che l’area era stata ritirata dal Piano alienazioni previsto dall’allora amministrazione di centro-sinistra in quanto considerata strategica per le esigenze del centro cittadino – sottolinea il sindaco, Adalberto Bordin -. L’operazione rientra infatti all’interno della procedura urbanistica del Parco delle Imprese di Montebelluna (P.I.M. attinente il progetto Montello Hill del gruppo CaBi. e permette al Comune di avere la titolarità esclusiva dell’area di circa 1800 metri quadrati e quindi di avviare la sistemazione di un ambito così strategico rispetto al centro, al polo scolastico, sportivo e culturale”.

L’operazione fa parte della variante approvata in passato che prevedeva due novità rispetto alla convenzione originaria: la realizzazione di una nuova rotatoria per garantire l’uscita in sicurezza dall’area industriale di Montebelluna est, al posto di un semplice incrocio a “T” e la cessione al Comune della porzione ancora di proprietà privata dell’area Sansovino, nel piano urbanistico ancora destinata all’edilizia privata.

Precisa l’assessore all’urbanistica, Elzo Severin“Nel corso delle trattative di allora, il Comune aveva chiesto che 440mila euro fossero consegnati in forma patrimoniale cedendo all’ente l’area edificabile presso il parcheggio Sansovino. Ora ci siamo: la cessione è avvenuta e finalmente l’area potrà essere sfruttata ed ultimata dal Comune che, prima dell’acquisizione formale, aveva invece le mani legate”.

Conclude l’assessore al patrimonio, Lucrezia Favaro“Inauguriamo il mandato con questa prima acquisizione patrimoniale. Con questa operazione viene ceduto il 65 per mille del compendio Sansovino al Comune che ne diventa proprietario esclusivo.

Ora possiamo quindi iniziare le valutazioni per pianificare gli interventi futuri tenendo conto delle varie esigenze del luogo, dell’esigenza di permeabilità idraulica e coniugando la vocazione dell’area a parcheggio ma anche le potenzialità in chiave fieristica”.

Skip to content