« Torna indietro

Morte bimbo asilo a L’Aquila: “Non c’era il freno a mano ed era innestata la marcia”

enda relativa alla morte di un bimbo all’asilo Primo Maggio a L’Aquila dopo che la proprietaria della Passat protagonista dell’incidente mortale cha investito altri cinque bimbi.

Pubblicato il 21 Maggio, 2022

Torna a far discutere la vicenda relativa alla morte di un bimbo all’asilo Primo Maggio a L’Aquila dopo che la proprietaria della Passat protagonista dell’incidente mortale cha investito altri cinque bimbi.

L’auto senza il freno a mano elettronico

Durante l’interrogatorio in Procura alla proprietaria della Passat è emerso in primis che la donna, dopo aver parcheggiato il veicolo, ha messo la prima marcia, ma non il freno a mano elettronico. La vittima mortale si chiama Tommaso e ha 4 anni, mentre a muovere inavvertitamente la leva del cambio sarebbe stato il figlio 12enne della donna, rimasto dentro l’abitacolo, portando così l’auto a muoversi lungo la discesa verso l’area nella quale si trovavano i bambini. Lo stesso 12enne avrebbe, sempre secondo quanto detto dalla donna, urlato “Mamma!” e lei avrebbe provato a fermare l’auto con le mani.

L’autopsia sul corpo del piccolo

La stessa proprietaria della Passat si è detta disperata per quanto accaduto e in particolar modo per il dolore causato alla famiglia del piccolo Tommaso e a quelle degli altri bambini rimasti feriti. Anche il figlio 12enne è rimasto ferito, in quanto si è lanciato via dall’auto in corsa per evitare di schiantarsi. Il reato che al momento viene contestato alla donna, una 38enne, è quello di omicidio stradale. Intanto la famiglia del piccolo Tommaso ha chiesto la massima riservatezza e il massimo rispetto; sul corpo del piccolo è stata eseguita l’autopsia. Il suo funerale si terrà questo pomeriggio alle 15,30 alla basilica di Collemaggio a L’Aquila. Al Policlinico Gemelli di Roma sono ancora ricoverate due bambine rimaste coinvolte nel sinistro; una di loro è in terapia intensiva pediatrica per una delicata frattura cranica, mentre l’altra è stata portata in un reparto pediatrico.