« Torna indietro

Imprenditore per mesi sbaglia corsia al semaforo, 21 multe: “Non pago, piuttosto il carcere”

Pubblicato il 7 Luglio, 2023

L’imprenditore torinese Federico Bacci e stato protagonista di un evento decisamente singolare: “Ho pagato le prime tre ma ora basta, non pago più, piuttosto il carcere”, dopo aver percorso per mesi la corsia sbagliata al semaforo si è ritrovato a casa una serie di multe per un totale di ben 21 sanzioni e oltre diecimila euro da pagare.

Tutto ebbe inizio verso la fine del 2020, quando il sessantatreenne cominciò a ricevere le prime sanzioni presso la sua abitazione, nel mese di dicembre, per violazioni risalenti al giugno precedente. La prima volta l’uomo si è provveduto al pagamento, così come ha fatto per la terza e la quarta occasione. Tuttavia, una volta realizzato che le multe continuavano ad arrivare per la stessa infrazione, egli richiese spiegazioni. Da ciò scaturì una disputa che persiste ancora oggi, e dinanzi alla quale il sessantatreenne non ha l’intenzione di versare alcun pagamento.

LEGGI ANCHE: 70ENNE TRUCCA IL MONOPATTINO METTENDOCI IL MOTORE DI UN TOSAERBA E SFRECCIA DAVANTI ALLA POLIZIA

“La prima l’ho pagata, l’importo era lo stesso che sarebbe servito per presentare un ricorso. Poi nel giro di un paio di giorni ne sono arrivate una seconda e ancora una terza. Ho pagato anche quelle, ma a quel punto ho deciso di chiedere informazioni e, dopo un controllo al computer, mi è stato detto che risultavano 21 multe a mio carico” queste sono le parole rilasciate al Corriere della Sera. Tra la pandemia da COVID e le inefficienze burocratiche, le vicende sono procedute per un lungo periodo fino a quando l’uomo si è rivolto all’amministrazione comunale di Torino per segnalare i ritardi nella notifica e la presunta ambiguità della segnaletica.

LEGGI ANCHE: ROMA: CACCIA AL GIUSTIZIERE CHE IMBRATTA LE AUTO CON LO SPRAY PER PUNIRE I PARCHEGGI IRREGOLARI

Queste sono le difese dell’imprenditore: “Io per mesi ho continuato a fare quello che avevo sempre fatto perché nessuno mi ha notificato nulla. In pochi minuti riesco a comunicare con i miei figli che sono all’estero, mi sembra incredibile che avendo a disposizione pec, mail e telefoni ci vogliano sei mesi per scoprire di aver commesso un’infrazione, Non pago. Piuttosto mi mandino in carcere o mi facciano lavorare due anni gratis per il Comune”.

Intanto però all’imprenditore torinese è arrivata una prima ingiunzione di pagamento relativa alle prime multe non pagate.

About Post Author