« Torna indietro

Municipio VI: ecco chi sono gli assessori dell’unica giunta di centrodestra, pronta la squadra di governo

Sarà un giovane di 24 anni il vice presidente delle Torri

Sei nomi, tre donne e tre uomini. Volti noti della politica e dell’attivismo territoriale: sono loro a formare la squadra di governo che amministrerà le Torri nei prossimi cinque anni. Ad annunciarli è Nicola Franco, presidente del sesto – unico di centrodestra in tutta la città – che formalizzerà le deleghe nella giornata di lunedì, durante il primo consiglio municipale, fissato per le 16.00 in viale Cambellotti

Con un giorno di ritardo rispetto ai proclami della settimana questa è la squadra annunciata: è composta da Andrea La Fortuna, carabiniere di 24 anni al quale verrà assegnata la vice presidenza del Municipio e con molta probabilità le deleghe alla sicurezza. Romano Amato, commercialista e revisore dei conti, molto impegnato nel sociale – al quale Franco potrebbe consegnare le deleghe al bilancio e al sociale; le deleghe alla cultura a Rita Pomponio, scrittrice, giornalista e “profonda conoscitrice della storia del nostro territorio” ha spiegato il minisindaco.

Nella squadra altre due donne: “Flavia Cerquoni, legale e consulente giuridico societario, specializzata in auditing e amministrazione municipale, attiva nel mondo della scuola e dell’associazionismo e Chiara Del Guerra, consulente finanziaria e del settore produttivo con un forte radicamento sul territorio” ha aggiunto Franco. Alla prima quindi le deleghe alla scuola, alla seconda le deleghe al commercio. Infine Rosario Onorati, impiegato bancario con una lunga e solida esperienza amministrativa.

“Il mio obiettivo, dichiarato fin da subito, è stato quello di dare seguito ai tre principi cardine che guideranno l’azione politica del centrodestra: appartenenza territoriale, curriculum professionale di spessore e pieno rispetto delle quote di genere. Ogni versante di questo territorio avrà infatti le sue figure di rappresentanza: il versante collatino, prenestino e casilino, ciascuno con i propri riferimenti” ha concluso.

x