« Torna indietro

Navalny

Navalny, lo struggente ricordo della figlia e della moglie: “Al mio eroe. A mio padre” (VIDEO)

Pubblicato il 2 Marzo, 2024

“Lyosha (è il diminutivo per Aleksej) grazie per i 26 anni di felicità assoluta. Sì, anche per gli ultimi tre di felicità. Per l’amore, per avermi sempre sostenuto, per avermi fatto ridere anche dalla prigione, per avermi sempre pensato”.

Così Yulia Navalnaya.

Mentre erano ancora in corso i funerali del marito, ha postato un video di due minuti sui social: un collage di immagini e emozioni. 

Nel messaggio che lo accompagna ha scritto ancora: “Non so come vivere senza di te, ma farò del mio meglio per renderti lassù felice per me e orgoglioso di me. Non so se ce la farò o meno, ma ci proverò. Sono sicura che un giorno ci incontreremo”.

“Ho così tante storie da raccontarti, così tante canzoni salvate sul mio telefono per te, sciocche e divertenti – in generale, francamente, terribili: ma parlano di noi – e volevo così tanto fartele ascoltare. E volevo tanto guardarti mentre le ascoltavi e ridevi e poi mi abbracciavi. Ti amo per sempre. Riposa in pace”, ha concluso.

E anche la figlia Dasha ha voluto manifestare pubblicamente il dolore e l’amore per il padre condividendo sui social una foto che ha ritrae con lui in un tempo felice, passato, irripetibile.

“In qualche modo è comune per tutti dire i miei genitori sono i miei modelli. Anche se nel mio caso è vero. Papà sei stato un esempio per tanti in tutto il mondo”, ha esordito.

“Il tuo ottimismo e il tuo sorriso contagioso e sincero. La tua curiosità e desiderio di nuove conoscenze. La tua incredibile capacità di trovare un terreno in comune con tutti. Senso dell’umorismo. Costanza. La capacità di trovare le parole al momento giusto (o una battuta per rilassare tutti in una situazione difficile). La tua gentilezza. Fede nel bene, in se stessi, nelle persone. Mi hai insegnato a vivere secondo i principi fin dall’infanzia. Per vivere una vita degna”, ha aggiunto.

“Hai dato la tua vita per me, per mia madre, per Zakhar, per la Russia, e ti prometto che vivrò la mia vita come mi hai insegnato tu, per renderti orgoglioso, e soprattutto, con lo stesso sorriso smagliante sul tuo viso. Sei sempre stato e sarai per sempre il mio esempio. Al mio eroe. A mio padre. Ti amo tantissimo. Riposa in pace”, ha concluso.

About Post Author