« Torna indietro

Presentazione della nuova stagione 2022/2023 al Teatro Spazio

Pubblicato il 30 Ottobre, 2022

Si è tenuta giovedì 27 ottobre, in Via San Giorgio Vecchio a San Giorgio a Cremano, la presentazione della stagione teatrale 2022/23 del Centro Teatro Spazio. Presenti giornalisti, alcuni dei protagonisti degli spettacoli in programma e un folto pubblico di giovani. Lo storico teatro, fondato nel 1974 da Massimo Troisi e Renato Barbieri, finalmente riparte, una ripresa assolutamente necessaria dopo il forzato stop imposto dalla pandemia, come conferma il Direttore Artistico, Vincenzo Borrelli: “In una società complessa come la nostra il teatro, così come l’arte in generale, è assolutamente necessario, essenziale!”. E non è un caso che oggi il CTS sia anche un rinomato centro di formazione teatrale riconosciuto dal MIC e dal MIUR.

Tanti gli spettacoli in cartellone, pièce di artisti affermati accanto a professionisti, magari meno noti ai più, ma che occupano un loro posto nel panorama teatrale.

Gli spettacoli in programma per la stagione 2022/2023

Gianluca Cangiano e Roberto Cardone in “Io che ho amato solo te…” di Gianluca Cangiano, adattamento e la regia di Niko Mucci, “… commedia sulla scelta di essere monogami”, riflessione divertente e controcorrente in un’epoca come la nostra.

Gianni Parisi presenta il one man show “Da levante a ponente”, che ripercorre i suoi 44 anni di teatro.

“Madri 2.0” con Rosaria De Cicco raccoglie pezzi che l’attrice mette a confronto come raccontasse “momenti perfetti” di un percorso artistico e umano.

E’ ambientato in un sottoscala adibito a centro massaggi “in cui convergono come frammenti sparsi tre vite che si sono intrecciate”, lo spettacolo vietato ai minori di 18 anni “La retorica delle puttane” di Antonio Mocciola, per la regia di Giorgio Gori, con Mariarosaria Virgili e Amedeo Ambrosino.

Canta e recita Enzo Attanasio nel suo coinvolgente “Senza rete” che, grazie al poliedrico talento dell’interprete, tra omaggi ai grandi attori e autori, regala al pubblico sorrisi e spazi di riflessione.

In “LIMBO! Incubi… 20 anni dopo”, Tiziana Tirrito e Domenico Orsini (anche autore e regista della piéce), attraverso incalzanti e divertenti incontri-scontri dei due protagonisti, trasformano, grazie a quella “malattia” che è il teatro, la grigia monotonia del quotidiano in policroma linfa vitale.

“MaraMMè”, “figura evocata dal passato, come un fantasma, per parlare ai suoi fantasmi e rivivere la sua tragedia” è il toccante e appassionante spettacolo di Rosario Salvati che vede in scena Sasa’ Trapanese.

Il ricco programma si apre il prossimo 11 novembre con “Novecento” di Alessandro Baricco, in scena Vincenzo Borrelli, che firma del celebre e appassionato lavoro anche adattamento e regia, affiancato da Marco Esposito al piano e dall’attrice, anch’essa pardrona di casa, Cristina Ammendola.

Numerose le produzioni della compagine sangiorgese, che spazia da opere del teatro classico, come “’E Piscature”, che riporta in scena il celebre testo di Viviani, reinterpretato da Borrelli con un cast d’eccezione, ad altre di natura più sperimentale, come la punta di diamante delle produzioni del CTS: lo spettacolo di Giuseppe Manfridi “Ti amo Maria!”, concesso in esclusiva in Italia a Vincenzo Borrelli, che vedrà il patron del teratro interpretare e dirigere il testo di uno dei massimi drammaturghi italiani, le cui opere sono rappresentate in tutto il mondo.

Lo “Spazio giovani” del cartellone è riservato a nuove leve del teatro: La compagnia I SenzArteNéParte con la divertente commedia “Nessuno è perfetto”, che tra momenti esilaranti lascia aperti spazi di riflessione; “Fino Alla Fine”, spettacolo di e con Manuel Stabile, porta in scena la storia del pugile sinti Johann Trollmann, “che ha combattuto sui ring durante il nazismo, contro il nazismo”.

Skip to content