« Torna indietro

Oderzo, il dottor Umberto Gasparotto al vertice della direzione medica dell’ospedale

Pubblicato il 30 Novembre, 2021

30.11.2021 – Da domani, 1° dicembre, la direzione medica ospedaliera di Oderzo sarà guidata dal dr. Umberto Gasparotto.

Umberto Gasparotto, 61 anni, si è laureato nel 1988 in medicina e chirurgia all’Università degli Studi di Padova, specializzandosi successivamente in Medicina Legale e delle Assicurazioni e in Igiene e Medicina Preventiva.

Nel 2018 ha frequentato il corso di formazione manageriale per dirigenti di struttura complessa presso la Scuola di Sanità Pubblica.

Il dr Gasparotto ha iniziato la sua attività nel 1993 occupandosi di Igiene Pubblica e Medicina Legale presso l’allora Ulss 11 Opitergino Mottense, divenuta poi Ulss 9. Dal 1997 ha seguito il budget e la gestione del personale per la direzione medica degli ospedali, prima di Oderzo e Motta di Livenza e poi di Oderzo e Treviso, perfezionandosi sempre più nelle attività di risk management e attività medico legali, divenendo il responsabile Ulss 2 delle funzioni per la sicurezza del paziente e ricoprendo dal 2013 al 2018 il ruolo di direttore della struttura complessa di Medicina Legale, Sicurezza del Paziente e dei processi clinico assistenziali. Ricopre, nell’ambito dell’Ulss 2, anche il ruolo di risk manager aziendale, svolgendo un ruolo importante nell’ambito delle attività di prevenzione degli eventi avversi e di gestione del contenzioso.

Ha rivestito, inoltre, la carica di Presidente del Comitato Etico per la Pratica Clinica di Treviso dal 2010 al 2014 e il ruolo di docente in vari master e corsi legati al mondo delle professioni sanitarie.

“Al dr. Umberto Gasparotto, – afferma il direttore generale, Francesco Benazzi – rivolgo i migliori auguri per l’incarico. La sua esperienza sarà una risorsa preziosa in questo difficile periodo. Colgo l’occasione per ringraziare lui, ma anche tutti gli altri miei collaboratori, che continuano con dedizione e professionalità ad affiancarmi nella difficile gestione di questa epidemia”.