« Torna indietro

Calcio USA

Osimhen, fratture e schiacciamento dell’orbita: un impatto violentissimo con Skriniar

Un contrasto, però, normalissimo, come ce ne sono a decine in ogni partita, in cui nemmeno il difensore slovacco nerazzurro si è reso probabilmente conto di aver provocato un simile infortunio a Osimhen.

Pubblicato il 12 Agosto, 2022

Un impatto che avrebbe potuto portare a conseguenze ancora più gravi, a cui non si vorrebbe mai pensare. Nonostante lo stop che è stato preventivato si aggiri intorno ai 3 mesi, è andata ancora bene a Victor Osimhen, forte attaccante del Napoli che, qualche settimana fa, è stato protagonista di un durissimo scontro di gioco con il difensore dell’Inter Skriniar.

Un contrasto, però, normalissimo, come ce ne sono a decine in ogni partita, in cui nemmeno il difensore slovacco nerazzurro si è reso probabilmente conto di aver provocato un simile infortunio a Osimhen. Un duro colpo sia per le ambizioni della compagine azzurra, che ha perso di conseguenza il suo bomber principale, ma anche per lo stesso Osimhen, che stava disputando una stagione meravigliosa ed era già proiettato verso le prime settimane del 2022 alla Coppa d’Africa, a cui stanno prestando attenzione tanti portali come NetBet casino, dovrebbe avrebbe dovuto e voluto trascinare la sua Nigeria verso un grande traguardo.

L’intervento eseguito dal prof. Tartaro

Dopo l’operazione chirurgica che ha avuto ad oggetto il volto di Osimhen, è stato lo stesso chirurgo maxillo-facciale che ha condotto l’intervento, ovvero lo stimato prof. Gianpaolo Tartaro, a mettere in evidenza quanto fosse complicata la situazione.

Il prof. Tartaro, infatti, ha comparato l’impatto avuto con Skriniar a finire sotto una pressa. Ci sono alcuni dati che spiegano ancora meglio la gravità dell’incidente, visto che nel volto di Osimhen sono state inserite sei placche e la bellezza di diciotto viti.

Un’operazione chirurgica che è durata oltre tre ore e ha avuto come obiettivo principale quello di ridurre le fratture multiple che hanno sconvolto il viso dell’attaccante del Napoli che, come messo in evidenza anche da parte del tecnico Luciano Spalletti, non riusciva più a vedere da un occhio al termine della partita. Sì, dato che, come svelato dal prof. Tartaro, il bomber nigeriano ha avuto a che fare con un esotrauma che ha portato allo schiacciamento dell’orbita. Insomma, non è stata solo ed esclusivamente una dislocazione come si pensava in un primo momento, quanto piuttosto di un esotrauma, che ha comportato una vera e propria pluri-frammentazione dell’osso malare.

Quando tornerà sul terreno di gioco Osimhen

In fondo, è il quesito che probabilmente si stanno facendo un po’ tutti a Napoli. A partire dai tifosi azzurri, che ovviamente non vedono l’ora di rivedere il loro bomber in campo, fino ad arrivare a Luciano Spalletti, al secondo ko di fila con una squadra rimaneggiata per colpa degli infortuni che stanno condizionando negativamente l’andamento del Napoli in classifica.

Come aveva già messo in evidenza il prof. Tartaro, sbilanciarsi non è possibile in riferimento a una data in cui Osimhen potrà tornare in campo. È stato anche Roberto Ruggiero, ortopedico che lavora nel team di specialisti che stanno dando una mano ad abbreviare le tempistiche di recupero, a sottolineare come non si possano fare azzardi.

Insomma, rimane aperta la possibilità di realizzare una mascherina protettiva, ma come è stato messo in evidenza da parte del prof. Tartaro, sarà necessario creare un modello che si adatti alla perfezione, anzi al millimetro, al volto di Osimhen. Il motivo è presto detto: una mascherina protettiva normale, infatti, andrebbe a cozzare direttamente con il punto del volto dell’attaccante nigeriano martoriato dalle fratture.

Proprio per questo motivo, la mascherina protettiva personalizzata sarà l’unica soluzione su cui poter puntare per accorciare i tempi di recupero. A quanto pare, si farà un tentativo per realizzare una mascherina protettiva personalizzata: a tale scopo, verranno impiegate addirittura 120 fotocamere, in maniera tale da effettuare un lavoro di carattere tridimensionale rapportato al volto di Osimhen. Dopodiché, finalmente, ci sarà quantomeno uno stampo su cui lavorare.

About Post Author

Skip to content