« Torna indietro

Ospedale Cannizzaro, donati organi di persona deceduta per emorragia cerebrale come da sua volontà

Un nuovo caso di donazione di organi all’ospedale Cannizzaro di Catania. La persona in vita aveva espresso la propria volontà di donarli

Pubblicato il 19 Novembre, 2021

Aveva espresso in vita l’intenzione di donare i suoi organi e ha così permesso di salvare o migliorare la vita di altre persone, anche fuori dalla Sicilia. A distanza di appena una settimana dal precedente, un nuovo prelievo multiplo di organi è stato eseguito nell’Ospedale Cannizzaro di Catania, anche in questo caso da una persona deceduta a seguito di emorragia cerebrale spontanea. Era arrivata in Pronto Soccorso, trasportata dal servizio 118, in condizioni molto critiche, a causa della rottura di un aneurisma che aveva subito determinato danni estremamente gravi.

Sono intervenute più équipe specializzate e hanno potuto prelevare fegato, reni e cornee. Si tratta del sesto prelievo eseguito nel corso del 2021 nell’Ospedale Cannizzaro, struttura che si conferma la prima a Catania e tra le prime in Sicilia per numero di segnalazioni in questo anno, nel quale si registra una ripresa rispetto al 2020.

“È importante sottolineare che quest’ultimo prelievo – spiega il dott. Salvatore Giuffrida, direttore generale dell’Azienda Cannizzaro – è stato possibile innanzitutto perché la persona aveva espresso in vita la volontà di donare i suoi organi, attraverso la compilazione del ‘tesserino blu’ distribuito da una associazione di settore riconosciuta dal Ministero della Salute. Si tratta di una delle modalità possibili per dare, con consapevolezza e in libertà, il proprio “sì” a un gesto così importante. Ringrazio ancora una volta il personale sanitario impegnato nelle attività connesse alla donazione di organi e tessuti per la professionalità, la dedizione e l’umanità che sempre lo contraddistingue”.

Immagine di repertorio

Skip to content