« Torna indietro

Perché sta girando sui social l’articolo 265 del codice penale? E cosa c’entra con la Russia di Putin?

Pubblicato il 21 Marzo, 2022

Perché su vari social, soprattutto in ambienti “filo-russi”, sta girando in queste ore l’articolo 265 del codice penale italiano? E cosa c’entra con la Russia? Facciamo un passo indietro. Nei giorni scorsi in tanti hanno – giustamente – stigmatizzato le nuove misure liberticide del governo russo contro la libertà di espressione. Leggi che prevedono, ricordiamo, fino a 15 anni di carcere per chi, in suolo russo, osa criticare l’operazione militare russa e l’invasione dell’Ucraina o per chi diffonde notizie giudicate tendenziose o fake news sulla guerra. Provvedimenti che, in un primo momento, hanno indotto le emittenti e le testate italiane a ritirare i propri inviati e corrispondenti da Mosca. Gli stessi provvedimenti per cui anche l’eroica giornalista Marina Ovsyannikova, che ha mostrato un cartello contro la guerra durante il tg russo, ha rischiato fino a 15 anni di carcere, E dunque, cosa c’entra il nostro codice penale con i provvedimenti russi?

Andiamo a vedere cosa recital’articolo 265. Già il titolo è significativo: “Disfattismo politico”. Il testo: “Chiunque, in tempo di guerra, diffonde o comunica voci o notizie false, esagerate o tendenziose, che possano destare pubblico allarme o deprimere lo spirito pubblico o altrimenti menomare la resistenza della nazione di fronte al nemico, o svolge comunque un’attività tale da recare nocumento agli interessi nazionali, è punito con la reclusione non inferiore a cinque anni. La pena è non inferiore a quindici anni 1) se il fatto è commesso con propaganda o comunicazioni dirette a militari; 2) se il colpevole ha agito in seguito a intelligenze con lo straniero. La pena è dell’ergastolo se il colpevole ha agito in seguito a intelligenze col nemico”. L’articolo potete trovarlo sulla Gazzetta Ufficiale o in qualsiasi sito specializzato in leggi come Brocardi. E dunque, in caso di guerra, in italia le pene arriverebbero fino a 15 anni nel caso di diffusione di notizie false o tendenziose, o almeno che vengano considerate tali dalle autorità competenti, fino all’ergastolo nel caso di collaborazione attiva con il nemico. Qualuno, sui social, commenta scherzosamente: “L’abbiamo copiato noi da Putin o Putin da noi?” Forse, per non assomigliare troppo a Putin dovremmo anche in Italia rivedere questo articolo liberticida?

Visualizza debug dell'ad

L'annuncio non è visualizzato sulla pagina

articolo attuale: Perché sta girando sui social l'articolo 265 del codice penale? E cosa c'entra con la Russia di Putin?, ID: 261817

Annuncio: Header amp (292123)
Posizionamento: HEADER AMP (header-amp)

Condizioni di Visualizzazione
Accelerated Mobile Pages
Annunciowp_the_query
Array ( [type] => amp [operator] => is ) Array ( [post] => Array ( [id] => 261817 [author] => 170 [post_type] => post ) [wp_the_query] => Array ( [term_id] => [taxonomy] => [is_main_query] => 1 [is_rest_api] => [page] => 1 [numpages] => 1 [is_archive] => [is_search] => [is_home] => [is_404] => [is_attachment] => [is_singular] => 1 [is_front_page] => [is_feed] => ) )
pagine specifiche
Annunciowp_the_query
396post_id: 261817
is_singular: 1




Trova soluzioni nel manuale