« Torna indietro

Polfer Piemonte e Valle D’Aosta: “Operazione Stazioni Sicure”. Oltre 600 i controlli. Denunciati un italiano e un somalo

A Torino, nella stazione di Porta Nuova, i servizi sono stati effettuati congiuntamente al personale del Reparto Prevenzione Crimine e delle Unità Cinofile

Pubblicato il 31 Marzo, 2022

“OPERAZIONE STAZIONI SICURE” – GIORNATA DI SERVIZI STRAORDINARI DALLA POLIZIA DI STATO NELLE STAZIONI DEL PIEMONTE E VALLE D’AOSTA

692 persone controllate, 73 bagagli ispezionati e 6 sanzioni elevate: questo il bilancio dell’operazione “Stazioni Sicure, promossa dal Servizi Polizia Ferroviaria a livello nazionale, che ieri ha visto impegnati 72 operatori della Polizia Ferroviaria nelle stazioni ferroviarie del Piemonte e Valle d’Aosta.

Gli operatori Polfer hanno effettuato mirati servizi di vigilanza al fine di incrementare i livelli di sicurezza nelle aree ferroviarie di competenza sia a tutela dei viaggiatori che degli utenti delle stazioni. I controlli sono stati estesi ai bagagli al seguito negli scali ferroviari, a bordo treno e ai depositi bagagli con l’uso di metal detector.

24 le stazioni interessate dai controlli straordinari nelle province di entrambe le regioni, con particolare attenzione ai convogli internazionali che giungono nel territorio nazionale provenienti da Svizzera e Francia e alle stazioni non presidiate da personale Polfer.

A Torino, nella stazione di Porta Nuova, i servizi sono stati effettuati congiuntamente al personale del Reparto Prevenzione Crimine e delle Unità Cinofile.

A Torino gli agenti Polfer hanno denunciato in stato di libertà due cittadini, uno italiano e uno somalo, per aver violato il provvedimento ai sensi della normativa in materia di “Daspo Urbano”. I due uomini, controllati l’uno all’interno della stazione ferroviaria e l’altro nel parcheggio esterno, sono risultati essere sottoposti al provvedimento di divieto di accesso alle aree interne della stazione di Porta Nuova e relative pertinenze, a cui non hanno ottemperato. Denunciati in stato di libertà, l’italiano è stato anche sanzionato amministrativamente al regolamento di Polizia ferroviaria per aver effettuato una raccolta fondi abusiva in stazione

x