« Torna indietro

Tribunale di Genova

Processo contro i genitori del piccolo Vincenzino, il neonato ustionato a Portici: chiesti 16 anni per lui e 12 anni per lei

Per la donna è stata invocata la parziale infermità mentale.

Pubblicato il 15 Gennaio, 2022

Il pm della Procura di Napoli ha chiesto 16 anni e 12 anni di carcere rispettivamente per il padre e la madre di Vincenzino, il neonato di Portici ricoverato al Santobono per gravi ustioni sul corpo. Le accuse nei loro confronti sono di maltrattamenti in famiglia, lesioni ed abbandono di minore.

Per la madre la Procura ha chiesto una pena più bassa, invocando la parziale infermità mentale. Giovedì prossimo si tornerà in aula e la parola sarà data ai difensori dei due imputati.

Il caso, risalente a marzo dell’anno scorso, suscitò grande scalpore nella comunità. Fu il padre ad avvisare i carabinieri delle lesioni che aveva notato sul corpo del piccolo.

I due infatti, pur vivendo una relazione stabile da almeno 6 anni, durante i quali avevano concepito altri due figli (entrambi in una casa famiglia), non abitavano nella stessa casa.

Fortunatamente Vincenzino adesso sta bene ed è stato affidato ad un’altra famiglia che gli donerà l’amore che non ha ricevuto dai suoi veri genitori.

About Post Author

Skip to content