« Torna indietro

Prima denunciato e ora ricoverato per Covid il No vax che ha insultato Sassoli

Pubblicato il 19 Gennaio, 2022

Napoli. Denunciato dalla Polizia postale della Campania, coordinata dalla Procura di Napoli Nord, quarantenne della provincia partenopea. E’ accusato di essere l’autore di uno dei messaggi pubblicati in rete, particolarmente lesivo della memoria di David Sassoli. I suoi messaggi sono diventati virali. Uno in particolare è stato pubblicato anche dall’account “Ugo Fuoco”: “Ogni tanto una buonissima notizia. Se ne va mr. ‘Il green pass non è discriminatorio’ Sassoli. Adesso venitevi a prendere gli altri, grazie“. La notizia è che l’autore di questi post è ricoverato in ospedale per Covid. Il ricovero è documentato sulle sue pagine social, nelle quali risponde a chi lo ha criticato.

No vax, diventano virali i messaggi d’odio

A carico dell’uomo che risulta amministratore di un canale Telegram con più di 30.000 iscritti c’è una denuncia per inosservanza delle misure sanitarie relative al Coronavirus. In quest’ambito ha pubblicata, appunto, una lunga serie di messaggi che incitano alla violazione delle disposizioni sulla gestione dell’emergenza da Covid-19. Sono stati scritti e diffusi messaggi ispirati da teorie complottiste “No Vax” in cui si afferma che David Sassoli sarebbe morto a causa del vaccino. Non parliamo soltanto di canali Telegram, ma anche di profili Facebook e Twitter, dove si legge l’hashtag #nessunacorrelazione.

Foto dal profilo facebook di Ugo Fuoco

Skip to content