« Torna indietro

Genova top 20 in Italia

foto di Milena Sala

Qualità della vita, balza Genova: è nella top 20 in Italia. Nell’anno della pandemia Bologna è la città in cui vivere

Qualità della vita, balza Genova: è nella top 20 in Italia.

Pubblicato il 14 Dicembre, 2020

Balza la qualità della vita a Genova e migliora in tutta la Liguria, unica in controtendenza nell’indagine del Sole 24 Ore sul benessere nei territori, oggi sul quotidiano. Genova in particolare recupera 26 posizioni ed entra nella top 20 posizionandosi al 19esimo posto e celebra, dunque, con uno scatto in classifica la riapertura del viadotto sul Polcevera dopo il crollo del ponte Morandi. Ma anche le altre liguri segnano alcuni record: ad esempio Imperia (81esima, +8 posizioni) si posiziona in testa per iscrizioni anagrafiche nei primi sei mesi dell’anno; Savona (48esima, +24) registra la densità di ristoranti più elevata. La Spezia è 45esima (+4).

Qualità della vita: la classifica annuale de Il Sole 24 ore

La 31esima indagine del Sole 24 Ore sul benessere nei territori nell’edizione 2020 analizza 90 indicatori, 25 dei quali dedicati all’impatto del virus su economia e società.

Come si vive, dunque, nelle città italiane, nell’anno della pandemia? 

La classifica generale premia Bologna, che va al primo posto e guadagna 13 posizioni e traina un po’ tutte le province dell’Emilia Romagna. Cinque su nove si trovano, infatti, tra le prime 20 classificate: oltre a Bologna, ci sono Parma (ottava), Forlì Cesena (14esima), Modena (15esima) e Reggio Emilia (17esima). A favorire il successo di Bologna ci sono l’essere una realtà a misura d’uomo, gli investimenti in formazione, innovazione e sanità, ma anche le prime posizioni guadagnate per indicatori quali il reddito, i consumi, opportunità di lavoro, offerta culturale.

La classifica mette chiaramente in evidenza come ad essere penalizzate siano soprattutto le città del Nord in cui si è registrata una maggiore diffusione della Covid: Milano, ad esempio, perde la testa della classifica e scende di 11 posizioni, Brescia scende di 27 (collocandosi al 39esimo posto), Bergamo di 24 (52esima) e Monza e Brianza scivola addirittura di 55 posizioni (61esima). A pesare sono il crollo del Pil pro capite in base alle stime 2020, ma anche il nuovo indicatore sullo spazio abitativo medio a disposizione legato, appunto, alla pandemia (con una media di 51 mq per famiglia).

Crotone fanalino di coda. Il Sud si conferma anche nel 2020 fanalino di coda per qualità di vita. Crotone scende di una posizione, guadagnando la maglia nera e “spodestando” Caltanissetta. A decretare il record negativo sono elementi da sempre presenti, ma che la pandemia  ha reso ancora più evidenti: un fragile tessuto economico, carenze strutturali dei servizi pubblici, un apparato burocratico lento e inadeguato.

Qualità della vita: penalizzate le città turistiche

Dal consueto check up annuale sullo stato di “salute” dei territori italiani emerge un altro trend: la crisi penalizza le aree metropolitane più turistiche, come Venezia (33ª, in calo di 24 posizioni), Roma (32ª, -14), Firenze (27ª, -12) oppure Napoli (92ª, -11). E della mancanza di turisti risentono anche le località di mare: peggiorano le province di Puglia e Sardegna (fatta eccezione per Cagliari e Foggia), Rimini (36ª, perde 19 posizioni rispetto allo scorso anno), Salerno, Siracusa e Ragusa.
Skip to content