« Torna indietro

lecce

Quarto, aggressione di un medico ad un’infermiera del 118: “Ti spacco la testa”

Il vergognoso episodio in via Gagarin.

Pubblicato il 13 Aprile, 2022

A Quarto, in provincia di Napoli, un’ambulanza nella giornata di ieri è stata allertata per “dispnea in covid” in via Gagarin. Appena giunta sul posto, l’infermiera dell’equipaggio si è trovata dinanzi il figlio della paziente che si è qualificato come medico ed ha iniziato a fare richieste incalzanti alla sanitaria.

L’operatrice ha eseguito tutto senza battere ciglio, mentre successivamente giunge anche l’automedica di Pozzuoli. All’ennesima richiesta del figlio della paziente, l’infermiera fa una semplice domanda: “ma perché non attivate una assistenza domiciliare?”.

L’esplosione di rabbia e l’aggressione sventata

Dopo questa richiesta si scatena l’ira dell’uomo che, senza alcun rispetto per l’infermiera e per la donna esclama: “Io ti spacco la testa, fuori da casa mia” e si spinge in avanti come a voler aggredire la donna.

Fortunatamente tra i due si frappone il medico dell’automedica e l’infermiera riesce a lasciare l’abitazione per mettersi in sicurezza.

A questo punto vengono allertati i carabinieri che giungono immediatamente sul posto.

Il commento di Nessuno tocchi Ippocrate: “Inconcepibile che un medico minacci un’infermiera”

“È inconcepibile che un medico minacci di lesioni una infermiera, chiediamo che le autorità facciano luce sulla vicenda e che il camice bianco sia ammonito dall’ordine professionale”.

Ormai sono sempre più gli episodi di questo tipo che vengono denunciati. Per gli operatori sanitari il proprio lavoro è diventato un incubo.

La loro professione li porta ad avere a che fare con persone di ogni estrazione sociale che invece di aiutarli, stando semplicemente a guardare, vogliono mettere bocca in ogni loro attività.

È ormai un atteggiamento costante che, come ogni atteggiamento irragionevole, nasce solo dall’ignoranza delle persone.