« Torna indietro

Rifiuti abbandonati, il comune istalla fototrappole contro gli “zozzoni”

Pubblicato il 12 Giugno, 2020

Una lotta per il decoro cittadino e contro chi non osserva una delle più semplici regole della vita sociale: non abbandonare i rifiuti in luoghi non adatti.

Il comune di Frosinone, mediante il funzionario, dott. Giuseppe Sarracino, e la polizia locale, stanno conducendo una serie di verifiche su tutto il territorio comunale per individuare i responsabili dell’abbandono indiscriminato di rifiuti.

“Dopo aver superato il 70% con la raccolta differenziata, con il metodo del porta a porta su tutto il territorio comunale, grazie alla grande collaborazione da parte delle famiglie e dei singoli cittadini – ha dichiarato l’assessore all’ambiente, Massimiliano Tagliaferri – intendiamo proseguire su questa strada, potenziando ogni attività volta alla valorizzazione ambientale e alla salvaguardia e alla tutela dell’ecosistema. Senza dimenticare, inoltre, che con l’aumentare della percentuale di differenziata, aumenta il risparmio per i cittadini: la Tari, nel 2019, ha registrato la diminuzione più sensibile di tutta la Regione Lazio (dati: Cittadinanzattiva), segnando un costo, per i frusinati, inferiore del 13,7 %. La tariffa media, infatti, è scesa da 369 euro a 319 euro”.

In questi giorni, inoltre, sono in corso le installazioni di fototrappole, in vari punti della città  in cui si siano verificati episodi di abbandono incontrollato dei rifiuti.

Skip to content