« Torna indietro

Rifiuto del permesso di soggiorno: espulsione di cittadino extracomunitario

Pubblicato il 3 Luglio, 2021

Nella giornata di ieri il personale della squadra Volante, a seguito di un attività preordinata finalizzata al controllo del territorio e alla prevenzione e alla repressione dei reati predatori e dello spaccio di sostanze stupefacenti, rintracciava un cittadino di nazionalità albanese, già conosciuto alle forze di Polizia, L. R. di anni 23, destinatario di numerosi pregiudizi di Polizia, tra cui “spaccio di sostanze stupefacenti, rapina estorsione, danneggiamento, atti persecutori, evasione”. Il medesimo inoltre risultava avere a carico un rifiuto di permesso di soggiorno per pericolosità sociale emesso il 17 Aprile 2020 dal signor Questore di L’Aquila. L. R. aveva presentato tuttavia ricorso avverso al rifiuto del permesso di soggiorno emesso dal signor Questore, ma il Tar si era espresso negativamente. Di seguito, nei confronti  L. R., l’ufficio Immigrazione della Questura di L’Aquila attuava specifici riscontri, incrociando i dati presenti nelle banche dati degli archivi di Polizia, dove si evinceva, in capo allo straniero, che questi fosse un soggetto di elevata pericolosità sociale. 

Acclarata la posizione di irregolarità dello straniero, il signor Prefetto di L’Aquila emetteva un provvedimento finalizzato all’espulsione del soggetto e il signor Questore disponeva l’accompagnamento del medesimo tramite la forza pubblica alla frontiera di Bari, dove veniva imbarcato. La destinazione era il paese d’origine del cittadino extracomunitario.

Skip to content