« Torna indietro

Netflix

La Russia censura Netflix: da domani solo contenuti autorizzati

Pubblicato il 28 Febbraio, 2022

Da domani se Netflix vorrà continuare a trasmettere sui canali di stato russi dovrà essere disposto a trattare sui contenuti. E’ uno degli effetti della guerra sulla comunicazione. Così il colosso dello streaming dovrà scendere a compromessi o rinunciare a una importante fetta di mercato.

Contenuti che, quindi, dovranno essere filogovernativi o non contrari alla linea politica di pensiero e politica stabilita dall’apparato nelle mani di Putin.

Con l’arrivo della guerra la Russia sta pressando anche piattaforme così come TikTok e Youtube affinché rimuovano contenuti relativi a guerra e militari che, in questi giorni, si stanno diffondendo e diventano virali nel giro di pochissimo.

Netflix è stata inserita in una lista del servizio federale per la supervisione della connessione e la comunicazione di massa – così come viene definito – nel 2021. In questa lista di servizi audio e video ci finiscono tutte quelle piattaforme e applicazioni che arrivano a registrare più di 100.000 utenti unici al giorno. Questo comporta, oltre al trasmettere all’interno del proprio palinsesto il principale canale russo Channel One, il canale della Chiesa Ortodossa Spas e altri canali associati al governo.

E’ emblematica la vicenda del documentario Netflix sulla crisi in Ucraina diretto da Evgeny Afineevsky e candidato all’Oscar nel 2016.: Winter on Fire da domani farà parte della lista di contenuti che non devono essere trasmessi perché promotori di estremismo dal punto di vista del governo Putin.

About Post Author

Skip to content