« Torna indietro

Russia

La Russia che protesta contro la guerra e viene arrestata: i casi più assurdi

Pubblicato il 2 Maggio, 2022

“Il 24 febbraio, la Russia ha iniziato una guerra con l’Ucraina. Da allora, le proteste contro la guerra si svolgono quotidianamente. OVD-Info fornisce assistenza legale agli arrestati e condivide informazioni sulle detenzioni. Trova i dettagli chiave nella nostra cronaca quotidiana! Al 24 marzo, secondo i dati OVD-Info, dall’inizio delle proteste ci sono stati 15.095 manifestanti detenuti in 151 città russe”, scrive così l’ong Ovd-Info, ma il numero ieri è aumentato…

Almeno 32 tra giornalisti, attivisti e persone che manifestavano per la pace sono stati fermati ieri in Russia.

“Nel giorno della festa del Lavoro, la polizia russa – rivela l’ong – ha fermato sette persone a Mosca e sette a San Pietroburgo, sei a Novosibirsk e sei a Chelyabinsk”.

Sono state fermate diverse persone con cartelli con delle varianti dello slogan “Pace, lavoro, maggio”.

Russia

“Ogni giorno in Russia continuano le proteste contro la guerra con l’Ucraina, nonostante arresti, multe e procedimenti penali – denuncia l’ong – Ogni giorno in tutto il paese abbiamo documentato proteste individuali e altre azioni in cui le persone esprimono le loro posizioni contro la guerra. Secondo la legge attuale, le grandi proteste sono essenzialmente criminalizzate in Russia e non c’è possibilità di avere una grande protesta senza arresti, violenze, citazioni amministrative e rischio di persecuzione penale. Tuttavia, le persone continuano a parlare contro la guerra, principalmente attraverso azioni individuali”.

“Secondo i nostri dati – aggiunge – da quando è entrato in vigore l’articolo del Codice amministrativo “screditare i militari”, la polizia ha emesso almeno 993 violazioni in tutto il Paese. Le regioni con il maggior numero di violazioni sono Mosca, St. Pietroburgo, Kaliningrad, Tomsk e in Crimea. Solo 7 regioni non hanno ancora avuto un’infrazione amministrativa ai sensi del presente articolo. Siamo certi che in realtà il numero delle violazioni per “screditamento” sia sensibilmente più alto”.

I CASI PIU’ ASSURDI DI “SCREDITAMENTO”

Ecco i casi più assurdi, grotteschi, snocciolati dall’organizzazione.

“A S. A San Pietroburgo, la polizia ha considerato un poster con una citazione dal cartone animato per bambini sovietico “Le avventure di Leopoldo il gatto” che diceva “Ragazzi, diventiamo amici” come “screditante”.

A Mosca un giovane è stato arrestato per essersi fermato davanti alla Chiesa di Cristo Salvatore con un poster del sesto comandamento di Mosè, con la scritta “Non uccidere”. Nonostante le dichiarazioni contro la guerra di un gran numero di sacerdoti ortodossi russi, la dirigenza della Chiesa continua a sostenere il governo in tutte le sue attività, compresa la guerra in territorio ucraino.

A Mosca è stata arrestata anche una persona che protestava con un poster con la scritta “parere”.

A Ufa, alla polizia non è piaciuta una citazione della canzone del rapper Tupac Shakur che è stata scritta sul poster di un attivista locale. La citazione diceva: “Hanno soldi per le guerre, ma non possono sfamare i poveri”.

Un attivista che stava facendo una protesta da sola è stato ritardato davanti a un edificio governativo nella capitale per un poster con la scritta: “Bombare per la pace è come scopare per la verginità”.

A Krasnodar, una persona è stata arrestata per aver dato fuoco al suo divano in strada dopo avervi scritto sopra la parola “Zlo”. Zlo è la parola russa per male, ma aveva usato la lettera Z dell’alfabeto latino che è diventata un simbolo di lealtà alla guerra in Ucraina. Ha detto che la sua ragazza vive nella città ucraina di Mariupol e non è stata in contatto dal primo giorno di guerra. Secondo molti testimoni oculari, le brutali battaglie hanno distrutto Mariupol e molte migliaia di civili sono probabilmente stati uccisi”.