« Torna indietro

confesercenti

Sedie e tavolini all’aperto, approvato il nuovo piano straordinario: parte da aprile 2022

Pubblicato il 31 Dicembre, 2021

Nuovo piano straordinario. Un piano che sarà valido dal 1 aprile al 31 ottobre 2022, con limiti più stringenti alle concessioni in centro storico, con strutture leggere di delimitazione dello spazio per le occupazioni in strada e con l’inasprimento delle sanzioni contro l’abusivismo. Sono alcuni fra gli aspetti principali del nuovo regolamento straordinario per il ristoro all’aperto, approvato ieri in Giunta con una delibera dell’assessore al commercio ed alle attività produttive Federico Gianassi che dovrà essere ora ratificata dal Consiglio comunale.

In base al nuovo piano potranno essere rilasciate in città – nell’anno 2022 – concessioni straordinarie da aprile fino a ottobre. Le concessioni straordinarie esistenti decadono a fine anno come previsto dal regolamento approvato nel marzo scorso, ma è stata comunque concessa, data l’attuale situazione pandemica e i numerosi casi di isolamento per positività e di quarantena, una proroga fino al 9 gennaio per consentire la rimozione di sedie e tavolini e la sistemazione degli spazi esterni.

Restano ovviamente in vigore le concessioni rilasciate in base al regime ordinario.

Il nuovo piano straordinario sedie e tavolini 2022 viene calibrato su due modelli diversi: uno per le concessioni di suolo pubblico nell’area Unesco e uno valido invece per il resto della città, dove molte esperienze fatte con l’attuale piano sono state giudicate positive e hanno ravvivato luoghi e spazi all’aperto.

Tutte le nuove occupazioni saranno soggette al pagamento del Canone patrimoniale di concessione suolo pubblico (se non saranno previste esenzioni a livello nazionale) e vengono incrementate le sanzioni per violazioni al regolamento. Le sanzioni possono arrivare, nei casi di reiterazioni gravi, fino alla revoca della concessione e – per chi occupa lo spazio senza essere titolare di una concessione – alla sospensione dell’attività.  

Il nuovo piano inoltre prevede per le occupazioni su sedime stradale che sia installata una struttura di contenimento dell’area in concessione. Il modello verrà approvato dall’Amministrazione con il disciplinare di Giunta.

“Abbiamo puntato a una sintesi tra le esigenze di residenti ed esercenti – ha spiegato il sindaco Dario Nardella – tenuto conto che siamo ancora in fase di emergenza. Nel nuovo piano facciamo tesoro degli aspetti positivi e negativi di questa esperienza, ben sapendo che si tratta di una situazione straordinaria legata al Covid“.

E ancora: “Abbiamo lavorato molto per valorizzare i pregi emersi con il vecchio piano, riducendo la criticità di una eccessiva concentrazione verificatasi in alcune zone – ha aggiunto l’assessore Federico Gianassi – Il nuovo piano straordinario sedie e tavolini, che portiamo all’attenzione del Consiglio comunale, è stato preparato dopo uno studio attento delle concessioni straordinarie ed è stato definito dopo gli incontri con i Presidenti dei quartieri, con le associazioni di categoria e con i comitati dei residenti: vogliamo consentire l’uso del suolo pubblico in modo equilibrato per sostenere economia e lavoro, ma con rispetto e tutela della residenza. Con questa delibera abbiamo definito il piano generale e, dopo l’approvazione da parte del Consiglio comunale, lavoreremo al disciplinare attuativo”.

x