« Torna indietro

Spari nel centro di Vittoria: ferito un uomo. Forse un regolamento di conti. Aiello:”La nostra città ha bisogno di telecamere e droni”

E’ stato sottoposto a intervento chirurgico Francesco Lo Monaco, l’uomo, un pluripregiudicato, ferito con colpi di arma da fuoco ieri poco dopo le 19 nel centro di Vittoria. L’agguato è scattato in via Rosolino Pilo all’incrocio con la via Farini e l’uomo, raggiunto da diversi proiettili, è stato ricoverato all’ospedale a Vittoria da un’ambulanza chiamata dai Carabinieri, che stanno indagando sul fatto di sangue.

In ospedale, Lo Monaco è stato operato ma, come detto, non sarebbe in pericolo di vita.

L’uomo in passato era scampato ad altri agguati: era conosciuto negli ambienti della malavita e noto anche alle forze dell’ordine. Pare che alcuni anni fa avesse sfregiato al volto un componente della famiglia di Elio Greco, sottoposto a confisca beni e padre di Rosario, l’uomo che due anni fa alla guida di un Suv travolse e uccise i due cuginetti Alessio e Simone D’Antonio.

“Accadono fatti inquietanti che turbano la serenità dei cittadini e anche degli amministratori – commenta il sindaco di Vittoria Francesco Aiello – La sparatoria di ieri sera è il segnale di un malessere che va prontamente individuato, studiato e affrontato con tutti i mezzi e gli strumenti leciti di cui disponiamo. Sono in corso le indagini per fare luce sul gravissimo episodio e confido nell’esperienza e nella competenza dei carabinieri che indagano, ma ciò non basta a tranquillizzare quanti si rendono conto che in qualunque momento e in qualunque quartiere di Vittoria, ci si può trovare di fronte a gente che spara. Inoltre, sempre ieri sera, una misteriosa esplosione, di cui ancora non si conosce la natura, ha ulteriormente scosso i cittadini. Per questi motivi sarebbe opportuno, a mio avviso, affrontare l’argomento nel corso di una riunione per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocata per affrontare, insieme alle parti sociali, il delicato problema. La nostra città ha bisogno di una vasta rete di telecamere di videosorveglianza, e, se dovesse servire, anche dell’utilizzo di droni. Sono  certo che la mia richiesta, sarà attentamente valutata e seriamente presa in considerazione”.

x