« Torna indietro

Spese militari: M5S Lombardia, ‘Regione prenda posizione, priorità sono altre’

Pubblicato il 28 Marzo, 2022

Degli Angeli (M5S): ‘Concentrarsi su energia, lavoro, ripresa e famiglie in difficoltà’

Marco Degli Angeli (M5S): «Il Movimento Cinque Stelle Lombardia ritiene necessario che il Consiglio regionale prenda una posizione chiara rispetto alla scelta del governo di aumentare le spese militari. Domani chiederemo ai Consiglieri regionali di esprimersi nel merito, chiamandoli al voto sui diversi atti che il nostro gruppo presenterà all’Aula. La nostra posizione è quella di chi ritiene maggiormente opportuno che tali fondi siano assegnati al rilancio dell’economia del nostro Paese e al sostegno di imprese e cittadini in difficoltà. A cominciare con il governare il percorso di transizione ecologica, che dovrà portare la Lombardia all’autonomia energetica attraverso lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Questo è l’obiettivo prioritario in questo momento storico e necessita di sostegni, anche economici. In tal senso riteniamo necessario un impegno da parte di Regione Lombardia nel predisporre un piano a sostegno di specifici incentivi.

Fin dai primi giorni dell’invasione russa dell’Ucraina, l’Italia è impegnata in prima linea nel sostegno e nell’accoglienza del popolo ucraino. Molto è stato fatto e tanto ancora dobbiamo fare al riguardo. La voce che volgiamo portare in Aula è quella di tutti quei cittadini che ci stanno chiedendo di fermarci a riflettere sul modo in cui riteniamo più opportuno che il nostro Stato spenda una cifra che si aggira intorno ai 13 miliardi di euro. Noi pensiamo che i problemi dei nostri concittadini come: il caro-bollette, garantire salari dignitosi, la sanità territoriale con l’assunzione di medici di base e la riduzione delle liste d’attesa, trasporti pubblici più efficienti, un maggior numero di alloggi popolari a disposizione e la transizione ecologica vengano prima rispetto all’incremento delle spese militari. Domani capiremo come la pensa il Consiglio Regionale, convinti che le nostre proposte possano trovare ampio consenso» conclude Degli Angeli. (CS)

x