« Torna indietro

conte camera stato di emergenza ottobre

Stato di emergenza, Conte: la fonte dei poteri è sempre il Parlamento

Pubblicato il 29 Luglio, 2020

“Accuse frutto di evidente equivoco. Lo stato di emergenza è un presupposto di fatto, ma non la fonte dei poteri del Presidente del Consiglio. La fonte di rango primario legittimante sono i decreti legge emanati dal Parlamento”. Giuseppe Conte torna a parlare di stato di emergenza, questa volta alla Camera, rispondendo alle tante accuse emerse ieri nel corso della discussione in Senato e poi rimbalzate su giornali e tv. L’approvazione da parte del Parlamento dello stato di emergenza “costituisce il presupposto per l’attivazione di una serie di poteri e di facoltà, necessari per affrontare con efficacia e tempestività le situazioni emergenziali in atto”.

Conte torna indietro nel tempo a descrivere la situazione che portò il 31 gennaio scorso alla prima dichiarazione dello stato di emergenza, dopo i primi casi isolati di coronavirus in Italia. In una situazione come questa, invita, “Non si deve ragionare per schieramenti precostituiti, non si deve cedere a logiche oppositive”. “La cessazione dello stato di emergenza determinerebbe l’arresto di tutto il sistema di prevenzione costruito a tutela di beni quali la vita e la salute, al vertice della gerarchia dei valori costituzionali, in quanto precondizione per il godimento di tutti gli altri diritti”, continua. Confidando dunque “in una convergenza in questo difficile passaggio”.

About Post Author

Skip to content