« Torna indietro

Taranto: Caduta consiglio comunale, Tar Lecce respinge ricorso

Pubblicato il 23 Dicembre, 2021

Correva il 30 novembre quando tre assessori del Comune di Taranto (Francesca Viggiano, Emanuele  Di Todaro e Cosimo Ciraci) e altrettanti consiglieri comunali (Gina Lupo, Tommy Lucarella  e Adriano Tribbia), tutti appartenti alla maggioranza, presentavano al Tar di Lecce un ricorso con cui impugnavano il decreto di  sospensione del Consiglio comunale di Taranto, con conseguente nomina del Commissario prefettizio, Dott. Vincenzo Cardellicchio. Eviteremo facili commenti sull’approssimativo e fallace giudizio professionale che l’Avv. Francesca Viggiano, ex Assessore ai Lavori Pubblici, espresse in quei giorni, quando definì le dimissioni dei 17 consiglieri “irrituali, irricevibili e pertanto improduttive di effetti”. All’ex consigliere Massimo Battista, tramite il suo legale di fiducia, Simona Scarpati, è appena stato notificato l’atto con cui il Tar ha respinto il ricorso, con cui venivano contestate anche le modalità di deposito degli atti notarili relativi alla dimissione contestuale degli ormai celeberrimi 17. Cogliamo l’occasione per ribadire che la buona politica non si fa con la becera propaganda, infatti nessuna delle previsioni dei dimissionati Sindaco, Giunta e consiglieri fedelissimi, ha trovato riscontro nella realtà. Tutti i lavori previsti stanno procedendo sotto la guida del Commissario Cardellicchio e nessuna catastrofe annunciata si è abbattuta sulla città. Ricordiamo, inoltre, a Rinaldo Melucci che è stato sfiduciato e che non è più sindaco di Taranto. Gli chiediamo, pertanto, a quale titolo continui ad avere accesso ai cantieri comunali, presenzi a inaugurazioni, utilizzi la pagina istituzionale “Ecosistema Taranto” per la sua campagna elettorale e, ancora, parli di progettazione futura in presunta continuità rispetto a un’Amministrazione che da oltre un mese non è più al governo della città. (CS – Una città per cambiare Taranto)

x