« Torna indietro

Taranto: Caro carburanti, Cosa ‘Eni riduca costo per autotrasportatori’

Pubblicato il 28 Febbraio, 2022

La situazione relativa al caro benzina in Italia è diventata ormai insostenibile. Il prezzo della benzina, del gasolio ed anche del metano è salito alle stelle. Questo quadro, esaminato anche in rapporto al periodo pandemico, rischia seriamente di mettere in ginocchio tutte le famiglie italiane, e nella nostra città la situazione è ancora più accentuata a causa della crisi generale. Nello specifico, ad essere più penalizzati sono tutti i lavoratori del settore degli autotrasporti.

Dalla rivolta pacifica scoppiata alcuni giorni fa anche a Taranto e poi interrotta, è emerso che il pieno di un camion è arrivato a circa 1.300 euro. Un costo davvero irragionevole che inevitabilmente avrà forti ripercussioni a catena facendo lievitare i prezzi di tutti i beni, primari e non. 

Oltre ad esprimere la mia personale solidarietà e vicinanza e quella del gruppo Sds a tutte le famiglie degli autotrasportatori, ritengo necessario non solo chiedere un forte intervento al Governo con misure straordinarie, ma anche aprire immediatamente una vertenza a livello locale chiedendo con forza una riduzione del costo dei carburanti direttamente alla Raffineria ENI. Lo stabilimento si configura infatti come una presenza pesante ed ingombrante che fino ad oggi ha solo penalizzato la città di Taranto dal punto di vista dell’inquinamento e dell’impatto ambientale. Occorre pretendere da subito dei costi calmierati nei confronti degli operatori del settore con sede legale in Taranto. (Comunicato stampa Francesco Cosa)

x