« Torna indietro

Taranto: Controllore bus CTP aggredito con un coltello

Nuovo episodio di teppismo e violenza sui bus. L’ultimo episodio si è verificato pomeriggio di venerdì 19 novembre: un controllore del Consorzio trasporti pubblici di Taranto è stato aggredito a bordo di un bus da un passeggero che gli ha lanciato contro il biglietto vidimato e poi ha cercato, senza riuscirci, di sferrargli due fendenti con un coltello. L’episodio è avvenuto lungo la strada che da Carosino conduce a Grottaglie.

A denunciare il caso le segreterie territoriali e aziendali del Ctp, di Filt Cgil, Fit Cisl e Uil, precisando che per il responsabile è «scattata la denuncia». Inoltre «sono state raccolte le testimonianze e spetterà ora alla Polizia fare chiarezza in merito a questo nuovo episodio di violenza».

Le organizzazioni sindacali hanno chiesto una convocazione al prefetto e al questore, congiuntamente alle aziende del Trasporto pubblico locale. «Ci auguriamo che il lavoratore – osservano i segretari generali di categoria Francesco Zotti della Filt Cgil, Vito Squicciarini della Fit Cisl e Carmelo Sasso della UilTrasporti – possa riprendersi al più presto. Chi è impegnato sulla linea a stretto contatto giornaliero con l’utenza è sempre meno garantito, in relazione non solo alla propria incolumità ma, anche al riconoscimento salariale, sempre più bistrattato ed inversamente proporzionale rispetto a responsabilità e rischi quotidiani, come questo ennesimo episodio brutalmente dimostra». Le autorità «preposte – concludono – e il management aziendale devono mettere all’ordine del giorno questa questione, il tempo del buonismo è finito, i delinquenti devono capire che, ad azioni come queste, seguono pene severe senza alcuna agevolazione».

“Apprendo con stupore dell’aggressione avvenuta ieri pomeriggio (19-11-2021, Ndr) ai danni di un operatore di CTP. E’ un fatto inaccettabile, un gesto vile che va condannato senza mezzi termini”.

E’ quanto afferma il presidente del Consorzio Pubblico dei Trasporti della provincia di Taranto, l’avvocato Egidio Albanese.

x