« Torna indietro

truffe

Truffa agli anziani nella penisola sorrentina: arrestato truffatore seriale, ben 5 i “colpi” messi a segno

In manette un 25enne napoletano.

Pubblicato il 14 Dicembre, 2021

Non si faceva scrupoli a truffare ed ingannare anziani, portando via un’ingente quantità di denaro, oro ed oggetti preziosi nella penisola sorrentina. L’attività truffaldina di un 25enne napoletano si è finalmente conclusa. L’uomo infatti, accusato di 5 truffe aggravate a danno di altrettante persone anziane, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Sorrento.

I fatti risalgono ai mesi di maggio e giugno 2021, quando le vittime, con raggiri ed inganni, avevano consegnato al truffatore denaro ed oggetti preziosi.

Le 5 truffe agli anziani dell’impostore che usava varie “tattiche”: dal finto corriere al finto nipote

La prima truffa agli anziani risale al maggio 2021 quando il 25enne, fingendosi il nipote della vittima 92enne, si era fatto consegnare diversi oggetti in oro per un valore di svariate migliaia di euro.

Altro episodio simile nel giugno del 2021, quando il truffatore raggirò per 2 volte la stessa vittima 85enne, dalla quale era riuscito ad ottenere prima 3.800 e poi 2.000 euro, fingendosi un direttore dell’ufficio postale e poi presentandosi come corriere.

Altre 3 truffe sempre a giugno 2021 a danno di anziani, durante le quali il “modus operandi” era sempre lo stesso. L’uomo chiamava le vittime fingendo di essere il nipote e poi si presentava come corriere consegnando beni effimeri (dal windsurf alla centralina per i computer).

La certosina indagine dei carabinieri che ha consentito l’arresto del truffatore

I carabinieri, grazie alle attività investigative che si sono basate soprattutto sulle testimonianze delle vittime, la raccolta di filmati di videosorveglianza pubblica e privata e l’analisi dei tabulati telefonici, sono riusciti a risalire all’attività del truffatore, che aveva concentrato le sue “prodezze” nella penisola sorrentina.

L’arrestato, dopo le formalità si rito, sarà trasferito al carcere di Napoli-Poggioreale.