« Torna indietro

bari

Ucraina, gli effetti sul costo del pane in Italia

Pubblicato il 9 Marzo, 2022

“Siamo davanti alla tempesta perfetta, con i prezzi dell’energia triplicati e il balzo del costo del grano, che avevano registrato già un trend di crescita dovuto alla siccità dello scorso anno negli Stati Uniti e all’alluvione in Francia. E ora il conflitto in Ucraina”, così Nicola Giuntini.

Il presidente di Assipan (l’Associazione italiana panificatori di Confcommercio) teme un riverbero degli aumenti energetici sul pane, anche se non nell’immediato.

“I prezzi del pane – spiega – sono liberi ed è vietato qualsiasi intervento di coordinamento. Non c’è un monitoraggio dei prezzi, non abbiamo dati e in questa contingenza non sappiamo cosa può succedere. Le conseguenze dell’aumento del grano per ora non sono quantificabili, a differenza di quelli dell’energia, che incidono sul prezzo finale molto più della farina”.

Secondo Giuntini, l’intervento del governo per la mitigazione del caro-bollette non è sufficiente per i panifici: “L’impatto del rincaro dell’energia è enormemente più pesante: abbiamo bisogno di un’azione importante e strutturata”. 

x