« Torna indietro

Valbrevenna campagna

Valbrevenna: fuga alla casa in campagna, per un’estate “green” alternativa

Fuga alla casa in campagna, per un’estate “green” alternativa

Pubblicato il 12 Gennaio, 2021

Un’estate “green” alternativa, questa, alla scoperta della Valbrevenna, un territorio di intatta bellezza, nell’entroterra genovese, un paese che vive tra il monte Antola e il monte Buio tanto che la Proloco ha attivato un servizio dedicato per gestire le tante richieste per appartamenti e case da affittare per l’estate.

Una sorta di riscatto dell’entroterra al tempo del coronavirus. Con gli ingorghi autostradali, poi, che scoraggiano la voglia di mare, tra code e gallerie chiuse, e spingono i genovesi a rifugiarsi nelle campagne e vallate, l’aspetto paesaggistico e naturalistico assume, in questa valle, caratteristiche senza pari.

Dalla Valbrevenna all’alta val Polcevera. Villa Serra per tutta l’estate, venerdì e sabato sera, resterà aperta fino a mezzanotte, senza contare le tantissime prenotazioni per le escursioni al parco Beigua, con gruppi più ridotti in rispetto alle norme anti-covid.

Complice di questo boom di “caccia alla casa di campagna”, anche il trenino di Casella che ha riattivato il servizio e la riattivazione del bike bus di Atp per trasportare le bici nella zona dell’Antola e del parco Aveto.

Casa in campagna e ricettività in Valbrevenna: la dichiarazione dell’assessore al Turismo

«Molte seconde case hanno già riaperto con la fine delle scuole e gli escursionisti stanno tornando nei fine settimana –- racconta Aldo Scorsoni , assessore al Turismo della Valbrevenna che unisce 35 frazioni – Le tre strutture della zona, un bed and breakfast e due agriturismi hanno riaperto. E anche la piscina sarà attiva dalla metà luglio, terminati i lavori di manutenzione che hanno ritardato per il lockdown».

Estate alternativa “green” in Valbrevenna: la parola del sindaco di Sant’Olcese

«Vogliamo diventare l’alternativa al mare, tra i forti , il trenino e i rifugi della zona – continua il sindaco di Sant’Olcese – Ci stiamo organizzando con le associazioni per riprogrammare gli eventi estivi con il teatro di quartiere o altre iniziative in versione ridotta. A settembre proporremo il giro dei rifugi con le bici elettriche, sperando che fra tre mesi la situazione sanitaria sia decisamente migliorata».

Skip to content