« Torna indietro

Valentina Angiolini

Valentina Angiolini: la nipote di Ambra sale sul ring

Pubblicato il 26 Gennaio, 2023

Sul ring coi guantoni ci sarà anche la romana Valentina Angiolini.

Sì, Angiolini, lo stesso cognome della più nota zia, l’attrice e conduttrice Ambra Angiolini.

Valentina Angiolini

Sarà un’interessante riunione pugilistica quella del prossimo 24 febbraio sul ring del Palatorrino a Roma, che proporrà come match clou la sfida tra due pugili italiani per il titolo latino dei pesi medi.

Di fronte saranno Vincenzo Bevilacqua e Khalil El Harraz, soprannominato “arabetto” o “er marokkino” per via delle origini della sua famiglia.

Lui però è italianissimo, anzi romano come Bevilacqua, e nel 2019 ha anche conquistato il titolo nazionale.

Il pugilato, che un tempo alternava con la MMA, ha cominciato a praticarlo in una palestra storica della capitale come quella del’Audace, e oltre alla ‘nobile arte’ ama dedicarsi a livello amatoriale al tiro a volo.

Insomma, Bevilacqua-El Harraz sarà un vero e proprio derby della capitale, a proposito del quale il promoter Davide Buccioni sottolinea che “gli eventi con pugili social o atleti che mirano solo ai like li lasciamo agli altri. El Harraz contro Bevilacqua è un match vero, da tripla. Noi amiamo la boxe e non i social, amiamo le cose concrete e non le buffonate da Tik Tok.E ora avanti così, verso il tutto esaurito”.

Anche perchè il resto del programma presenta confronti interessanti come quello tra i superleggeri Jacopo Fazzino e il colombiano Eder Tovar, o tra l’imbattuto supergallo Salvatore Contino contro l’altro colombiano Jeison Cervantes o la sfida per il titolo europeo dei pesi piuma donne tra Anna Lisa Brozzi e la spagnola Sheila Naryibez.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e in piedi

E a proposito di boxe rosa, quello della nipote di Ambra sarà il secondo match da professionista: “Spero che Valentina possa diventare un campionessa”, è l’augurio di Buccioni, che intanto non svela il nome dell’avversaria di Angiolini limitandosi a un “per ora posso solo dire che è inglese”.

About Post Author