« Torna indietro

Venezia, inaugurato l’Anno accademico di Ca’ Foscari

Pubblicato il 16 Febbraio, 2022

16.2.2022 – E’ stato inaugurato questa mattina, con una cerimonia al teatro Goldoni, l’Anno accademico 2021/2022 dell’Università Ca’ Foscari, alla presenza delle autorità cittadine, militari e religiose. L’appuntamento si è aperto con i saluti della rettrice Tiziana Lippiello, una breve esibizione del coro dell’Ateneo ha preceduto l’ingresso del corteo accademico.

L’Amministrazione comunale è intervenuta all’iniziativa con un video messaggio del sindaco Luigi Brugnaro e il saluto dell’assessore all’Università Paola Mar. “Ringrazio la rettrice Tiziana Lippiello, saluto i docenti della prestigiosa Università Ca’ Foscari e rivolgo il mio augurio agli studenti per il loro percorso di studi a Venezia – ha detto Brugnaro – La città vi accoglie con grande simpatia ed entusiasmo ma vi chiede anche di rispettarla”. Poi l’invito a rinnovare la collaborazione già in atto con il sistema universitario “per poter immaginare un futuro nel quale l’Università sia protagonista della città insieme all’Amministrazione comunale”.

Un rapporto, ha aggiunto il sindaco, già fondato anche sul “connubio tra Ca’ Foscari e Iuav che potrebbe essere una grande novità di questa stagione perché insieme possiamo immaginare un ruolo ancora più importante e che si possa raddoppiare la dimensione dell’Università a Venezia. Penso al numero di docenti, quello delle aule e delle residenze per gli studenti e i servizi da dare a questi ragazzi che tanto generosamente hanno scelto la nostra città. Come sindaco do la massima disponibilità ai giovani che vorranno parlare con noi per capire quali possono essere le necessità e quale può essere il loro impegno che vogliono dare alla nostra magnifica storia. Nel centro storico, così come a Mestre ma anche a Marghera – è l’appello rivolto agli studenti – ci può essere il vostro futuro anche lavorativo. Vi chiedo di scommettere sulla nostra città perché potrebbe essere una scommessa vinta. Mi piacerebbe che tanti di voi continuassero a credere nella nostra città per poter applicare qui, da noi, quello che oggi state imparando. Un vero in bocca in lupo ai ragazzi e alle ragazze, ai docenti. Credo che assieme potremo costruire un grande percorso e un grande ruolo di Ca’ Foscari nella città di Venezia oltre quello che già la storia le riconosce”.

“Le Università hanno un ruolo fondamentale nella costruzione e nel rinnovamento della società” le parole dell’assessore Mar nel suo intervento dal palco del Teatro Goldoni. “Per confermare e continuare a rivestire questo ruolo dobbiamo lavorare neccessariamente in sinergia” ha aggiunto ringraziando la Rettrice Lippiello per la collaborazione in atto tra l’Ateneo e l’Amministrazione comunale, ma anche ricordando i suoi trascorsi da studente a Ca’ Foscari. “Il contatto diretto e costante serve certamente a trovare una soluzione ai problemi contingenti, ma è soprattutto utile per lo sviluppo di quelli che sono importanti progetti per il futuro della nostra città, del territorio, della regione e per la funzione simbolo che ha Venezia nel mondo”.

Sul ruolo formativo dell’Università Mar ha posto l’accento sulla necessità “di educare non solo la mente ma anche il cuore, la coscienza – ha detto – L’Università deve essere il luogo del dialogo, della discussione e del confronto. Il luogo dove si insegna, dove si impara e dove si ha coraggio di sperimentare, ricercare e progredire: è il luogo dove si può essere visionari e proiettarsi con quella passione che dovrebbe muovere tutto il mondo nel futuro”. L’augurio agli studenti è stata la citazione di una frase di Robert Kennedy: pochi di noi sono abbastanza grandi da poter cambiare il corso della storia, ma ciascuno di noi può cambiare una piccola parte delle cose. E con la somma di tutte queste azioni verrà scritta la storia di questa generazione. “Abbiamo questa responsabilità – l’appello dell’assessore – Buon anno accademico a tutti”.

Al termine della cerimonia sono stati conferiti i Premi al merito ai migliori studenti e studentesse dell’Università.

Skip to content