« Torna indietro

Venturina Terme: il 15 giugno partiranno gli scavi archeologici al Mausoleo

Venturina Terme. Lunedì, infatti, avrà inizio l’indagine archeologica preliminare nell’area di Caldana, operazione promossa dal Comune di Campiglia Marittima e dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno

Pubblicato il 11 Giugno, 2020

Un percorso di valorizzazione e ricerca per la parte più antica di Venturina Terme

Venturina Terme, il paese che nel panorama locale è forse considerato comunemente il più moderno e “povero” di storia, da lunedì 15 giugno, confermerà la controtendenza e sarà al centro dell’annunciata campagna di scavi intorno al mausoleo romano di Caldana.

Da lunedì l’indagine preliminare nell’area di Caldana

Venturina Terme. Lunedì, infatti, avrà inizio l’indagine archeologica preliminare nell’area di Caldana, operazione promossa dal Comune di Campiglia Marittima e dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno, che sarà condotta dall’equipe messa in campo dal trust di scopo Sostratos onlus diretta dall’archeologo dott. Alessandro Viesti.

L’Amministrazione comunale di Campiglia Marittima intende valorizzare l’area del Parco Termale, ampliando e attrezzando le aree verdi
attualmente presenti e questo è sicuramente un progetto che si inserisce in questa ottica perché

Come afferma l’assessore alla cultura Gianluca Camerini :

Prima di elaborare un qualsiasi progetto di riqualificazione dell’area, è indispensabile verificare la presenza nel sottosuolo di eventuali resti antichi, cosa probabile dato che Caldana è una zona di Venturina Terme che è stata abitata continuativamente per millenni”.

Le aree interessate dall’indagine saranno tre: l’edificio, a pianta rettangolare noto appunto come Mausoleo romano di Caldana sito circa all’incrocio tra via dei Molini e via Mattarella, la zona adiacente l’edificio dove passava la Via Aurelia/Aemilia Scauri, e infine, a poche centinaia di metri a nord del mausoleo, in località “La Pulledraia”, un’area in cui si ha la presenza di significativi reperti di epoca romana, che testimoniano la presenza di un antico insediamento.

Un ringraziamento – aggiunge Camerini – va alla Soprintendenza che ha incoraggiato e sostenuto il Comune nell’intraprendere questo percorso, poi alle aziende che già hanno dimostrato il loro interesse a sostegno di questo progetto e in particolare Kostelia, Kostelitalia, S.I.M.I., Berrighi Costruzioni, Finedil, Calidario Terme, Le Corti del Sole, Carvedil edilizia, Eredi Micaelli Lido prodotti siderurgici, Horus, Bar Tabacchi Buccianti, 2G Logistica.

Naturalmente un ringraziamento speciale va a Sostratos onlus e al dott. Lorenzo Benini che hanno messo a disposizione le risorse economiche e scientifiche necessarie a compiere questo importante passo che speriamo possa essere solo il primo di un interessante e fruttuoso percorso”.

Skip to content