« Torna indietro

Vinitaly: Tutte le attività promosse e realizzate da Le Donne del Vino Puglia

Pubblicato il 9 Aprile, 2022

La delegazione pugliese dell’Associazione Nazionale delle Donne del Vino torna protagonista al Vinitaly di Verona, la fiera più attesa dal mondo del vino italiano. Dopo due edizioni rimandate a causa della pandemia, con il supporto della Regione Puglia Dipartimento Agricoltura Sviluppo Rurale ed Ambientale, il gruppo guidato da Marianna Cardone ha messo in campo una serie di iniziative che si inseriscono nelle attività collaterali che si terranno nel Padiglione Puglia dal 10 al 13 aprile 2022.

Centro nevralgico e punto di riferimento il desk informativo, per poter dare supporto non solo alle socie presenti in fiera ma anche ai visitatori che potranno così avere tutte le informazioni sulle varie attività, tra le quali si riconferma “Adotta una vite, coltiva un sorso di Puglia”. 

Il progetto, ideato nel 2015 con l’intento di promuovere un messaggio di genuino amore per la terra, invita ad adottare e amare un vino di Puglia. Dopo aver estratto un coupon con l’indicazione del vitigno associato a una delle cantine aderenti, presso lo stand della socia produttrice sarà possibile degustare un suo vino e avere poi in dono una barbatella di vitigno autoctono pugliese. La giovane pianta di Primitivo, Negroamaro, Susumaniello, Verdeca e Nero di Troia sarà consegnata in una confezione con la descrizione delle caratteristiche del vitigno e le istruzioni per piantarla. 

Vini e territori pugliesi potranno essere scoperti e conosciuti grazie al piacevole percorso degustativo, nel Padiglione Puglia, tra gli stand delle produttrici associate.

Saranno giornate intense e importanti per la delegazione, protagonista in diversi momenti con i vini delle associate: ogni giorno nell’area Puglia Cooking show gestita da Puglia Expò, l’abbinamento cibo-vino vedrà i vini delle Donne del Vino raccontati direttamente dalle produttrici.

Il programma giorno per giorno

Lunedì 11 aprile alle 15.30 nello spazio aggregazione dell’area istituzionale della Regione Puglia, alla presenza della Presidente Nazionale Donatella Cinelli Colombini, dell’Amministratore delegato di Amorim Carlos Veloso Dos Santos e di tutte le socie d’Italia che vorranno intervenire, verrà presentata la partnership delle Donne del Vino per il Progetto Etico di Amorim cork, a supporto del riciclo dei tappi in sughero. 

Seguirà un aperitivo con i vini delle socie pugliesi presenti in fiera.

Martedì 12 aprile nell’area conferenze si svolgerà un’attività con buyers e giornalisti stranieri, riservata alle socie della delegazione. In particolare, si terranno tre appuntamenti tematici in tre orari diversi: “tasting sui vitigni rari e autoctoni e di particolare espressione territoriale” con le cantine Soloperto, Tenute Rubino, Vignaflora, Caiaffa Vini, Tenute Eméra e Cardone; “Verticali d’annata di Negroamaro” con le cantine Apollonio, Varvaglione, Paolo Leo e Vetrère; “Pairing Vino-Cibo” con le cantine Terribile, Produttori Vini Manduria, Placido Volpone, Mottura, Rivera e Castello Monaci. Nello spazio incontri per concludere il “Tasting walk around dei vini delle Donne del Vino” con tutte le cantine per presentare la delegazione nella sua mission di squadra.

La Puglia sarà inoltre tra le tre regioni protagoniste del “Finitaly”, la cena di gala di chiusura del Vinitaly che come da tradizione da diversi anni l’Associazione Nazionale Le Donne del Vino organizza in collaborazione con VeronaFiere, mercoledì 13 aprile a Palazzo della Gran Guardia, nel centro di Verona. Specialità enogastronomiche pugliesi selezionate per la serata saranno affiancate da una ricca carta vini di tutte le Donne del Vino d’Italia; la Puglia sarà presente con i suoi vini bianchi, rosati, rossi e bollicine. Sponsor per il food made in Puglia con il piatto “foglie di ulivo con sugo fresco e cacio ricotta”: Pastificio Cardone di Fasano (Br), Donna Francesca – Italian Flavours di Mariotto, frazione di Bitonto (Ba) e Caseificio Artigiana di Putignano (Ba).

«Questa edizione di Vinitaly è per tutti un punto di ripartenza – dichiara la delegata Marianna Cardone – un momento importante per riprendere a incontrarsi e ritrovare quello slancio progettuale a lungo termine che tanto è mancato in questi ultimi anni. La presenza di operatori stranieri sarà il segnale che anche il mondo del vino riprende quei contatti necessari per continuare sulla strada dell’internazionalizzazione. E quest’anno abbiamo fortemente voluto organizzare durante la fiera proprio un b2b per supportare le nostre socie in un percorso di crescita su nuovi mercati e far conoscere la nostra associazione anche oltre confine. La parola chiave del 2022 per Le Donne del Vino è “futuro”, e noi cerchiamo di guardare proprio al futuro della nostra Puglia portando in giro le nostre produzioni enologiche al femminile». (Comunicato stampa)

Per restare aggiornati sulle attività delle Donne del Vino, anche al Vinitaly segui le pagine social

FB: @LeDonnedelVinoPuglia

IG: donnevinopuglia

TW: @DonneVinoPuglia

x