« Torna indietro

Violenza alla Villa Bellini, il gip ha disposto il carcere per i 3 minori

Pubblicato il 6 Febbraio, 2024

Emesse le ordinanze di custodia cautelare. Un indagato ha risposto alle domande del gip. Striscioni davanti al Palazzo di giustizia di Catania

I sette ragazzi fermati per la violenza di gruppo nei confronti di una 13enne la sera del 30 gennaio scorso, nei bagni pubblici della Villa Bellini di Catania Sono stati sentiti davanti ai giudici per l’udienza preliminare. “Non sono stato io”: è la frase maggiormente ripetuta negli interrogatori da parte dei sette ragazzi.

Lo hanno anche ripetuto i due, ritenuti gli autori della violenza, dopo essere stati accusati dalla stessa vittima, dal suo fidanzato 17enne e anche dal Dna estrapolato dalle tracce biologiche trovate sugli indumenti della ragazzina. I due, e un terzo minorenne, resteranno in carcere: il giudice ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare mentre la decisione del gip distrettuale per gli altri quattro indagati è attesa nelle prossime ore. Dalle due inchieste delle Procure emerge una ricostruzione terrificante dei fatti: la coppia è stata prima accerchiata dal gruppo e poi uno di loro ha spinto la ragazzina dentro uno dei bagni dove è avvenuta la violenza.


La 13enne è riuscita soltanto a dire “basta, per favore, non lo fare” cerca di opporsi, senza riuscirci, “Tremavo come una bambina”, dirà ai Pm. Una scena che si ripete con il secondo violentatore, mentre un terzo indagato si ‘affaccia’ da un muretto divisorio. Alla procura il giovane racconta che era intervenuto perché aveva sentito urlare e sostiene di avere detto all’aggressore di smetterla. Ma la ragazza lo smentisce: “nessuno dei presenti ha detto ‘lasciatela stare’ o ha cercato di interrompere la violenza”. Mentre nei bagni si consuma la violenza, il fidanzato della tredicenne viene bloccato all’esterno, picchiato e minacciato: “io sono pazzo, posso ammazzarti”, gli urla uno del branco. Poi i sette fuggono e i due fidanzatini corrono in strada e incrociano dei passanti che chiamano i Carabinieri. Tre membri del gruppo sono stati bloccati da militari dell’Arma, mentre gli altri sono riusciti a fuggire. Cominciano le indagini, che però non possono avvalersi delle telecamere della Villa Bellini, perché ci sono ma non sono attive… Ma le dichiarazioni della vittima, sotto choc ma determinata a “volere giustizia” e del fidanzato consentono di avere un primo riscontro, confermato poi dal confronto all’americana. Un grosso contributo alle indagini è arrivato proprio da uno degli indagati che parlando dell’accaduto prima con un operatore della comunità in cui è ospite e poi davanti ai Carabinieri del comando provinciale. Ha indicato i due violentatori e mostrato il loro profilo su TikTok, così l’indagine si allarga. Il suo legale, l’avvocato Salvatore Gangi, rivela che lui ha giustificato la sua presenza sul posto per caso: “era lì perché aveva sentito gridare”. Per lui, che è agli arresti domiciliari, la Procura distrettuale ha chiesto la conferma del provvedimento con l’uso del ‘braccialetto’ elettronico. Durante le due udienze di convalida quasi tutti parlano, uno piange davanti al procuratore aggiunto Sebastiano Ardita e alla sostituta Anna Trinchillo. L’avvocato Alessandro Fidone, che assiste due dei maggiorenni, ha spiegato che uno si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre l’altro ha parlato con il gip e “si è detto estraneo ai fatti”, aggiungendo che “era sul posto, ma non ha partecipato, all’aggressione e ha capito la gravità dei fatti”.

Fonte Ansa.

About Post Author