« Torna indietro

Altre 5 Regioni diventano “arancioni”. Rt all’1,7%

Pubblicato il 10 Novembre, 2020

Altre 5 Regioni sono in zona arancione da domani. Si tratta di Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria. L’esperto del ministero della Salute, Gianni Rezza, parla di situazione in peggioramento e necessità di misure più restrittive: “Abbiamo un Rt di 1,7 e oltre 500 casi per 100mila abitanti. Quasi tutte le Regioni italiane sono pesantemente colpite”.

L’allarme segue quello di ieri del ministro Speranza. Intanto l’Alto Adige si prepara al lockdown per almeno tre settimane, molto simile a quello di marzo-aprile. Nei reparti di medicina generale, malattie infettive e pneumologia la capienza di pazienti è ormai al limite.

Sulle polemiche, inevitabili, della divisione tra zone rosse e arancioni, il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, ha commentato: “Non sono delle pagelle ai territori, ma rappresentano la fotografia di come ogni singola rete sanitaria territoriale è in grado di reggere l’evoluzione della pandemia. Restiamo accanto con impegno a medici, infermieri e operatori sanitari che anche in questa seconda ondata lottano in prima linea per tutti”.

25271 i nuovi contagiati ieri in Italia, contro gli oltre 32mila di sabato, 356 morti. La Regione più colpita è sempre la Lombardia con 4777 casi, poi Campania con 3120 e Piemonte 2876.

​In Italia i posti disponibili sono ancora il 51%, ben oltre la soglia considerata critica del 40% di occupati. Undici Regioni operano insomma al di là delle proprie disponibilità.

Skip to content