« Torna indietro

Ancora movida violenta in città. Maxi rissa nel centro storico sfocia nel sangue, accoltellato 21enne

Pubblicato il 4 Luglio, 2022

Non è certo la prima volta che accade, ma di questi tempi si rischia di rovinare l’immagine velata di una città aperta al turismo che arriva da ogni parte del Mondo. Risse e degrado nel centro storico di Lecce o nei luoghi della movida, purtroppo, rappresentano una realtà che troppo spesso finisce sulle prime pagine dei giornali e dei quotidiani online. L’ultimo violento episodio è avvenuto nella notte tra domenica e lunedì ed è terminato nel sangue, con un giovane finito in ospedale dopo essere stato accoltellato. Vittima dell’aggressione un 21enne originario di Molfetta che è stato aggredito e ferito con un’arma da taglio da qualcuno ancora non identificato. Sarebbero state due le coltellate che avrebbero raggiunto il corpo del ragazzo, mandandolo in ospedale. Le sue condizioni, per fortuna, non erano gravi e non fanno temere per la sua vita.

Sul posto della rissa è intervenuta immediatamente una pattuglia della Polizia di Lecce che ha individuato il ragazzo ferito e sanguinante, intorno alle 3 di notte, vicino alla Chiesa di San Matteo, poco dopo Porta San Biagio. Poco dopo sono intervenuti anche i sanitari del 118 che hanno accompagnato il ragazzo al Pronto Soccorso dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce. Qui, il 21enne si è presentato con una ferita alla pancia ed una al bacino ed ha ricevuto tutte le cure del caso. Sull’episodio sono state aperte le indagini da parte della Polizia di Lecce che sta cercando di risalire agli autori dell’accoltellamento e a chi ha partecipato alla rissa. Secondo una prima ricostruzione di quanto accaduto la rissa sarebbe avvenuta in pieno centro storico a Lecce, esattamente in via dei Perroni e avrebbe coinvolto circa dieci ragazzi. Sono soltanto due, tuttavia, per ora, i ragazzi identificati e denunciati attraverso alcune testimonianze e le telecamere di videosorveglianza presenti in zona che hanno ripreso le scene di violenza. I due denunciati sono l’aggressore e la vittima.