« Torna indietro

mascherine puglia fabbrica regione

Sostituisce il cambio dell’auto aziendale con una spada giapponese, apprendista licenziato

Pubblicato il 23 Novembre, 2022

Un apprendista di Iren, azienda italiana che si occupa principalmente della produzione e della distribuzione di energia elettrica, ma anche di altri servizi, è stato licenziato perché avrebbe messo due coprisedili su un’auto aziendale, pagandoli di tasca propria.

Questa è la versione della Cgil di Parma, alla quale ha replicato Iren spiegando che l’operaio in realtà avrebbe commesso qualcosa di più grave che gli è valso il licenziamento.

Apprendista licenziato, la furia della Cgil: “Il gruppo pensa solo ai profitti”

Dopo l’annuncio del licenziamento dell’apprendista è scesa in campo la Cgil che ha accusato il gruppo Iren di pensare esclusivamente ai profitti a discapito della qualità del lavoro e dei servizi forniti ai cittadini che pagano tasse e bollette molto alte.

Secondo la Cgil territoriale “non è accettabile che all’interno del gruppo i giovani assunti siano tagliati fuori dai percorsi di crescita professionali”, una situazione che cancellerebbe qualsiasi forma di meritocrazia.

LEGGI ANCHE: PAURA AD OTTAVIANO, GIRA IN STATO DI ALTERAZIONE PER LE STRADE DELLA CITTÀ ARMATO DI KATANA

La risposta di Iren

Iren rispedisce le accuse al mittente rispondendo che il licenziamento non è affatto dettato da futili motivi, poiché l’apprendista avrebbe sostituito la leva del cambio con il manico di una spada giapponese, vandalizzando di fatto l’auto e creando una situazione di grave pericolo per sé e per gli altri.

L’azienda, alle accuse di non valorizzare i giovani, ha risposto che nel 2022 ha assunto oltre 1.000 persone. “Una crescita – ribatte Iren – che poche aziende hanno potuto sostenere quest’anno, fatto che sarà riconosciuto anche dalle sigle sindacali”.

Skip to content