« Torna indietro

Aumenta la popolarità dei droni per il nuovo anno: i fuochi d'artificio potrebbero sparire?

Aumenta la popolarità dei droni per il nuovo anno: i fuochi d’artificio potrebbero sparire? (guarda il video)

Con il nuovo anno sempre più vicino, le folle di tutto il mondo potrebbero aspettarsi sibili e scoppi per illuminare il cielo. Ma il fascino dei fuochi d’artificio potrebbe svanire via via, poiché cresce l’uso di droni per spettacoli di luci. Un Capodanno all’insegna dell’Avvenire: ecco che cosa ci si aspetta intorno al mondo. Guarda il video, dal Guinness dei Primati. Un esempio notevole è stata la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo di quest’anno: lo afferma anche The Guardian.

In particolare Ollie Howitt, il coordinatore creativo di SkyMagic, ha utilizzato una flotta di 300 droni per la celebrazione del capodanno del sindaco di Londra lo scorso anno: ha affermato che la domanda è aumentata notevolmente, qualcosa che la pandemia ha contribuito ad accelerare. Ha aggiunto che i droni erano sempre più in grado di volare con maggiore intensità e più a lungo. “Pensiamo che sarà qualcosa in continua evoluzione, invece di essere una sorta di moda passeggera alla quale le persone si sono improvvisamente interessate”, ha dichiarato.

Anche Robert Neff, partner e direttore generale di Mercia Marina (porticciolo turistico in Inghilterra, ndr), crede che le visualizzazioni dei droni diventeranno più comuni. “C’è un grande movimento contro i fuochi d’artificio”, ha affermato. Ha aggiunto che la decisione di utilizzare uno spettacolo di droni presso di loro è stata determinata da una serie di fattori, incluso l’impatto dei fuochi d’artificio sugli animali, dalla fauna selvatica e dagli uccelli acquatici ai cani e gatti dei proprietari di barche. Queste le sue parole: “Hanno spesso reso palese quanta angoscia è causata ai loro animali domestici dai fuochi d’artificio”. Howitt ha affermato anche che i droni hanno dei vantaggi: “Non sono emissioni, sono riutilizzabili, non ci sono ricadute o detriti o cose del genere. Quindi, in questo senso, sono un’ottima opzione sostenibile“. In Italia, per esempio nella Capitale, i divieti riguardano fuochi d’artificio e balli nei ristoranti.

I droni sono la soluzione? Non tutti sono d’accordo. Un portavoce della British fireworks association, per esempio, ha affermato che i droni potrebbero anche porre problemi ambientali. “I suggerimenti sono che i droni hanno un impatto minore sull’ambiente, ma nutriamo gravi preoccupazioni per il consumo elettrico e l’uso di batterie al litio, che sono note per non essere poi così ‘green'”, hanno affermato. “L’impatto dell’uso dei fuochi d’artificio sull’ambiente ha dimostrato di essere minore e di breve durata e studi recenti hanno suggerito che è probabile che ci sia più inquinamento da un paio di auto che guidano a un evento rispetto a quello causato dai fuochi d’artificio durante un evento“.

Un portavoce della Rspca (Royal society for the prevention of cruelty to animals, contro la crudeltà verso gli animali, ndr) ha affermato che mentre i droni potrebbero essere un’idea possibile per cercare di ridurre l’impatto sugli animali, ci sono alcuni aspetti negativi. “I droni non sono privi di problemi negativi come spaventare cavalli e bestiame o scontrarsi con uccelli e possono causare disturbo agli animali e al pubblico. È quindi importante considerare appieno i loro effetti e adottare misure per ridurre al minimo la possibilità di incidenti”, è stato detto.

E ci sono problemi logistici con i display luminosi dei droni, noti come “sciami di droni”. Alcuni suggeriscono che l’uso di fuochi d’artificio e droni non si escludono a vicenda. Il crepitio e gli scoppi dei fuochi d’artificio creano una sensazione sonora difficile da sostituire.

Troviamo che i fuochi d’artificio funzionino molto bene in tandem con i droni. Ma in realtà non crediamo affatto che gli uni sostituiscano gli altri”. Così si è espresso Howitt, che ha osservato che mentre i fuochi d’artificio danno forti, emozionanti, grandi prestazioni, i droni offrono la possibilità di raccontare storie nel cielo utilizzando una serie di immagini. Ma, come ha notato Neff, l’uso dei droni per evitare i potenziali problemi dei fuochi d’artificio implica che le persone abbandonino questi ultimi. Opterebbe di nuovo per i droni? “Non so. Si aspettavano più droni, più luci, più prestazioni. La gente vuole sempre di più. E penso che il rumore sia parte della grande esperienza di tutto questo“, ha concluso.

x