« Torna indietro

orco

L’orco camuffato da babysitter: decine di bambini stuprati e molestati

Pubblicato il 21 Giugno, 2022

“Sono un ragazzo abbastanza accomodante che è aperto a prendersi cura di qualsiasi età in qualsiasi momento. Aperto a gestire le cose come vuole la famiglia”.

Si descriveva così negli annunci.

Il mostro disseminava così le sue trappole, quelle in cui, purtroppo, sono cadute numerose famiglie.

La terrificante vicenda giunge dall’Australia, dove un orco subdolo e spietato ha confessato i suoi crimini.

Un babysitter pedofilo ha ammesso di avere commesso 141 crimini sessuali contro i bambini affidati alle sue cure dopo aver pubblicizzato online con successo i suoi servizi di assistenza all’infanzia. 

Jareth Thomas Harries-Markham, 24 anni, martedì è stato davanti alla Perth Magistrates Court, il Tribunale della città australiana, perché accusato di 221 reati sessuali su minori su più di una dozzina di bambini che ha assistito tra luglio 2020 e agosto dello scorso anno. 

Nel collegamento video dal carcere, con l’occhio sinistro tumefatto, Harries-Markham si è dichiarato colpevole di 141 reati, tra cui lo stupro di un bambino e molestie di molti altri piccolini. 

La Corte ha appreso che Harries-Markham ha utilizzato due siti web per pubblicizzare i suoi servizi di babysitter: in uno degli annunci affermava che amava “aiutare i bambini a essere il meglio che possono essere”. 

Dopo avere ottenuto la fiducia dei genitori, ha trovato lavoro a Perth e nel nord-ovest dell’Australia, dove ha commesso i crimini, fra i quali 10 diverse volte in cui ha stuprato un bambino di età inferiore ai 13 anni. 

Sul sito web WeNeedANanny.com, che promette “Accesso immediato a fantastiche tate che la tua famiglia adorerà”, affermava di avere più di quattro anni di esperienza alle spalle, una tessera Working With Children, assegni di polizia e un certificato di primo soccorso.

babysitter
Jareth Thomas Harries-Markha

Harries-Markham è stato arrestato dopo che la polizia ha fatto irruzione nella sua casa di Bennett Springs il 22 agosto e ha trovato materiale per lo sfruttamento dei bambini.

Gli investigatori degli abusi sui minori hanno anche sequestrato diversi gel lubrificanti e armi da taglio trovati nell’abitazione.

Inizialmente era stato accusato di 14 reati sessuali su minori, tra cui aggressione sessuale di un bambino di età inferiore a 12 mesi e produzione di materiale pedopornografico, nonché possesso di armi proibite. 

Con il progredire delle indagini, sono state formulate ulteriori accuse dopo che gli investigatori hanno scoperto altre vittime.