« Torna indietro

bambino

Il bambino mostro smascherato dal criminologo: “Puro malvagio”

Pubblicato il 1 Luglio, 2022

“Quando guardo la sua comunicazione non verbale non vedo nessuno che sia intimidito dal processo. Ha solo 13 anni quando viene intervistato. Ti aspetteresti che i bambini piccoli siano nervosi per quel processo. La polizia deve stare attenta a come intervista gli adolescenti. Normalmente sono piuttosto timidi e riservati nel modo in cui si presentano. Sembra abbastanza fiducioso. Sta cercando di affrontarlo. Quello che vedi in quel video è un’istantanea di come è, ma è il 10% di quella che sarebbe la sua personalità normale”.

Così Graham Hill.

Il noto criminologo rivela com’è riuscito a smascherare Craig Mulligan, adesso 14enne. Bastava guardare con attenzione i filmati appena rilasciati dei suoi interrogatori alla polizia. Filmati che forniscono sette chiari indizi sulla sua colpevolezza, scrive il The Sun.

Craig Mulligan è “puro malvagio”, così come lo ha definito il criminologo.

Mulligan, che all’epoca dell’omicidio del piccolo Logan Mwangi aveva 13 anni, ha affermato di essersi svegliato per sentire Angharad Williamson, la mamma del bambino di cinque anni, gridare “Logan è morto”.

In realtà, il mostro adolescente aveva aiutato a uccidere Logan insieme con Williamson, 31 anni, e al suo patrigno John Cole, 40 anni. Un caso che ha sconvolto la Gran Bretagna.

È stato quindi catturato dalle inquietanti telecamere a circuito chiuso mentre trasportava il bambino morto in una sacca Nike con Cole in un fiume vicino casa e mentre il trio escogitava un macabro piano per coprire l’omicidio.

Mulligan, Williamson e Cole sono stati incarcerati ieri a vita per il brutale omicidio del piccolo Logan.

Craig Mulligan

La clip, dice Hill, mostra Mulligan affermare che lui e Cole avevano afferrato la spazzatura dal giardino sul retro e “gettata nel fiume”.

Mulligan ha detto agli agenti che non riusciva a ricordare cosa c’era nei sacchi neri e ha affermato che sono tornati al fiume più tardi per controllare che fossero “affondati”.

Ha aggiunto: “Stavamo cercando di essere il più silenziosi possibile perché non volevamo svegliare Logan o Angharad. Non so se Logan fosse ancora lì a quel punto… non ho controllato”.

Ma Mulligan scatta quando emerge che Williamson ha attribuito a lui e a Cole l’omicidio di suo figlio.

Alla domanda se c’è qualcosa che vorrebbe aggiungere, l’adolescente si arrabbia: “Sì. Puoi dire a mia madre di andare a puttane per me. Sta incolpando me e mio padre per tutto quando non abbiamo fatto nulla. Ora sono stufo di questo, sta solo dicendo tutto ciò che vuole per uscire dalle fottute celle”.

Hill afferma che la mancanza di paura di Mulligan quando si confronta con la polizia è un indizio chiave. Un altro indizio è nella sua aggressività verbale, ha imprecato contro i poliziotti. Poiché non può esprimere fisicamente la sua rabbia nei confronti di Williamson, lo fa verbalmente imprecando. Il suo dialogo nasconde anche un altro indizio.  Probabilmente aveva un’istruzione limitata.

Craig Mulligan

Ciò significa che potrebbe non aver avuto modelli positivi anche all’esterno della famiglia per insegnargli le i valori principali della vita, inclusa l’empatia.

La sua mancanza di empatia – che si vede meglio nelle sue palesi bugie e mancanza di responsabilità – è un altro indizio.

Il “puro malvagio” è il figlio dell’ex partner di John Cole, Rebecca Trudgill, che ha avuto una relazione con il padre, non meno mostruoso del figlio, per oltre dieci anni.

John Cole

La relazione si è conclusa nel 2019 quando Cole ha incontrato Williamson e l’adolescente è stato preso in cura dopo che sua madre ha simulato una diagnosi di cancro.

Poiché aveva condanne penali, Cole, che Mulligan considerava una figura “simile a un dio”, è stato bandito dal contatto senza supervisione con i bambini.

Angharad Williamson

Ma nel maggio 2020, ha chiesto di avere il diritto di paternità di Mulligan, con la richiesta concessa solo cinque giorni prima che Logan fosse ucciso.

Il dottor Hill ha aggiunto: “Ha iniziato a idolatrare il suo patrigno, che è chiaramente un modello scadente. Quindi finisci con un uomo che ha una bussola morale davvero assente o distorta. Nel suo mondo quello che fa e quello che dice va bene perché nessuno gli ha mai dato alcuna genitorialità correttiva”.

“Quindi mi sembra che gli sia permesso di fare ciò che vuole quando vuole. E chiunque lo sfidi, si confronta con l’aggressività e poi si sono tirati indietro. Quindi quello che gli ha insegnato è che se è verbalmente e fisicamente aggressivo ottiene ciò che vuole”, continua.

“Un altro segno di potenziale senso di colpa è la scarsa igiene, che segnala una bassa autostima. Sembra sovrappeso, sembra che non si prenda cura di se stesso molto bene – spiega – Quindi finisci con una bassa autostima. Se guardi il comportamento di questo giovane, ci sono così tante bandiere rosse. C’è il classico problema fisico e verbale aggressivo e comportamentale costante: essere difficili da controllare. La classica crudeltà verso gli animali e gli altri bambini. Questo è ciò che ci aspetteremmo di vedere in un bambino del genere: un sadismo palese. La scarsa igiene è un’altra: sono tutti comportamenti cronici che sono i classici segni di un bambino che rischia di commettere un grave reato. Bassa autostima, mancanza di empatia, aggressività fisica e verbale, problemi comportamentali, difficoltà a regolare il proprio comportamento, problemi di temperamento, crudeltà verso gli animali, crudeltà verso gli altri bambini, scarsa igiene. Tutti questi sono quelli che sono noti come sintomi comportamentali cronici”.

IL DELITTO

Logan nel luglio dello scorso anno è stato restituito dal fiume Ogmore, vicino alla sua casa a Bridgend, nel Galles del Sud: la vittima era in pigiama.

Logan Milligan

Aveva subito 56 ferite alla testa, al viso, alle braccia del busto e alle gambe a causa di “traumi da corpo contundente”.

L’orribile serie di lesioni includeva una spalla fratturata, un’emorragia estesa al cuoio capelluto e alla parte posteriore della testa e un trauma significativo al cervello.

Logan era stato così massacrato che anche la sua lingua era contusa: un’agonia durata a lungo. Era ancora vivo quando è stato gettato nel fiume, così come ha rivelato l’autopsia.

Se i suoi malvagi assassini avessero chiesto aiuto, il ragazzo avrebbe avuto l’80% di possibilità di sopravvivenza.

Il giudice Nerys Jefford ha descritto l’attacco a Logan come “feroce”, aggiungendo: “Siete stati tutti condannati per omicidio e siete tutti responsabili della morte di Logan e di tutta l’angoscia che ne è seguita”.

Visualizza debug dell'ad

L'annuncio non è visualizzato sulla pagina

articolo attuale: Il bambino mostro smascherato dal criminologo: "Puro malvagio", ID: 286730

Annuncio: Header amp (292123)
Posizionamento: HEADER AMP (header-amp)

Condizioni di Visualizzazione
Accelerated Mobile Pages
Annunciowp_the_query
Array ( [type] => amp [operator] => is ) Array ( [post] => Array ( [id] => 286730 [author] => 168 [post_type] => post ) [wp_the_query] => Array ( [term_id] => [taxonomy] => [is_main_query] => 1 [is_rest_api] => [page] => 1 [numpages] => 1 [is_archive] => [is_search] => [is_home] => [is_404] => [is_attachment] => [is_singular] => 1 [is_front_page] => [is_feed] => ) )
pagine specifiche
Annunciowp_the_query
396post_id: 286730
is_singular: 1




Trova soluzioni nel manuale